Politiche famiglia: 14 milioni
Voucher per bimbi 0-3 anni

Sviluppo e il consolidamento del sistema integrato di servizi socio-educativi per la prima infanzia per l'attivazione di nuovi posti, sostenere i costi di quelli esistenti e migliorare qualità dell'offerta; interventi a favore delle famiglie numerose o in difficoltà.

Politiche famiglia: 14 milioni Voucher per bimbi 0-3 anni

Sviluppo e consolidamento del sistema integrato di servizi socio-educativi per la prima infanzia per l'attivazione di nuovi posti, sostenere i costi di quelli esistenti e migliorare qualità dell'offerta; interventi a favore delle famiglie numerose o in difficoltà.

Sono queste le finalità cui sono destinati oltre 14 milioni di euro assegnate alla Lombardia dal Fondo nazionale per le politiche della Famiglia e recepite nella delibera approvata dalla giunta regionale su proposta dell'assessore alla Famiglia, Conciliazione, Integrazione e Solidarietà Sociale Giulio Boscagli.

In particolare, 6,7 milioni di euro saranno erogati con appositi voucher alle famiglie con bambini fino a 3 anni di età iscritti a strutture per la prima infanzia pubbliche o private accreditate (nidi, micronidi, nidi famiglia, centri per la prima infanzia).

Il voucher sarà erogato dai comuni/ambiti territoriali alle famiglie in base a graduatorie che tengono conto della situazione reddituale, patrimoniale e del numero dei figli, della presenza di persone con disabilità o anziani non autosufficienti.

Altri 7,5 milioni di euro saranno destinati a interventi a favore delle famiglie per sostenere pari opportunità di accesso ai servizi integrativi per bambini di età compresa tra 0 e 13 anni: ad esempio le «classi primavera», servizi pre e post scuola, servizi per i periodi della vacanze scolastiche, per attività sportive, ricreative, culturali e del tempo libero.

Anche in questo caso lo strumento scelto dalla giunta regionale è il voucher che sarà erogato alle famiglia in base ad una graduatoria che tiene conto, oltre che della situazione reddituale e patrimoniale, anche della presenza di persone fragili nel nucleo familiare.

Soddisfatto l'assessore Boscagli: «In un momento di grave incertezza economica, il Fondo statale per le famiglie costituisce un importante aiuto che si affianca agli strumenti e ai contributi che Regione Lombardia ha da sempre scelto di destinare a favore delle famiglie, con particolare attenzione ai minori, alle persone fragili, e a chi si trova in difficoltà».

© RIPRODUZIONE RISERVATA