Mercoledì 16 Novembre 2011

La Mai ha una nuova direttrice
Elisabetta Manca erede di Bravi

La biblioteca civica «Angelo Mai» di Bergamo ha un nuovo direttore. Anzi, una direttrice. Dopo la lunga «era Bravi» (Giulio Orazio), conclusasi nel giugno scorso, alla guida della più antica, illustre e importante biblioteca della città è salita una donna, Elisabetta Manca.

Allieva di Bravi, porterà avanti i progetti del precedente direttore, con un futuro ricco di iniziative, come ha detto lo stesso assessore alla Cultura Claudia Sartirani: «Vogliamo proseguire con le attività di catalogazione ed incremento del patrimonio e con le iniziative pubbliche di divulgazione e studio - ha detto -. Attualmente, grazie ai co-finanziamenti della Regione Lombardia, sono in corso la digitalizzazione dei Libretti d'opera delle rappresentazioni teatrali tenute a Bergamo tra Sette e Ottocento e quella dell'Almanacco “Bergamo o sia notizie patrie” dal 1815 agli anni Cinquanta del Novecento. Sempre grazie al co-finanziamento regionale è in corso di catalogazione nel Servizio bibliotecario nazionale la raccolta degli Almanacchi: circa 700 titoli di Almanacchi italiani e stranieri dal ‘600 al ‘900. Per il 2012, in particolare, si prevede: il completamento dell'inventario del monumentale Archivio storico comunale depositato in biblioteca (carte dal XV secolo al 1950); l'avvio della riconversione informatica del catalogo storico della biblioteca: circa 500.000 schede redatte a mano sul patrimonio librario acquisito dall'origine della Biblioteca al 1976».

fa.tinaglia

© riproduzione riservata