Mercoledì 16 Novembre 2011

Chi è Giulio Terzi di Sant'Agata

Nato a Bergamo il 9 giugno del 1946, Giulio Terzi - sposato, padre di due gemelli - si e' laureato in Giurisprudenza a Milano, dove si e' specializzato in Diritto internazionale. E` stato Console Generale a Vancouver durante l`Expo ‘86, dove ha promosso importanti eventi per il commercio e la cultura italiana.

Nel 1987 e` tornato a Roma per prestare servizio prima, presso la Direzione Generale degli Affari Economici, dove si e`occupato soprattutto di nuove tecnologie e in seguito, alla Direzione Generale del Personale. Il suo successivo incarico all`estero e` stato a Bruxelles dove ha ricoperto la carica di Consigliere Politico presso la Rappresentanza d`Italia presso la NATO, in un periodo particolarmente impegnativo segnato dalla fine della guerra fredda, dalla riunificazione della Germania e dalla prima guerra del Golfo.

Dal 1993 al 1998 e` stato a New York presso la Rappresentanza d`Italia alle Nazioni Unite, dapprima come Primo Consigliere per gli affari politici, e successivamente come Ministro e Vice Rappresentante Permanente. Durante questo periodo – segnato dalla guerra in Bosnia, dalla tragedia somala, dagli scontri nella regione dei Grandi Laghi e da altri conflitti africani – l`Italia e` stata membro non permanente del Consiglio di Sicurezza. Verso la metà degli anni Novanta, la globalizzazione e le nuove sfide alla sicurezza internazionale hanno evidenziato la necessità di importanti riforme degli organi delle Nazioni Unite, temi per cui l`Italia ha sempre rivestito un ruolo di primo piano.

 Durante i primi anni al Ministero degli Esteri a Roma, l`Ambasciatore Terzi e` stato responsabile, al Cerimoniale della Repubblica, per le visite ufficiali delle delegazioni del Governo Italiano all`estero.

Nel 1975 gli e`stato affidato l`incarico di Primo Segretario per gli affari politici all`Ambasciata italiana a Parigi. Dopo l`incarico nel 1978 a fianco del Segretario Generale della Farnesina ha ricoperto il ruolo di Consigliere Economico e Commerciale in Canada per quasi cinque anni, un periodo di grande crescita economica e di cooperazione tra Italia e Canada, soprattutto per quanto concerne il settore delle nuove tecnologie.

Ha assistito il Ministro degli Esteri sui temi della sicurezza internazionale, in particolare relativamente ad aree geografiche quali i Balcani Occidentali, il Medio Oriente, l`Afganistan, l`Africa Orientale e a tematiche come la proliferazione nucleare, il terrorismo e i diritti umani. Tra gli incarichi degli anni scorsi di particolare rilievo all'estero e` stato quello di Ambasciatore d`Italia in Israele tra il 2002 e il 2004, un periodo caratterizzato dallo scoppio della Seconda Intifada, dal rafforzamento delle relazioni tra UE e Israele durante la Presidenza Italiana dell`UE (luglio-dicembre 2003) e da un rinnovato impegno da parte delle autorità israeliane e palestinesi a sostegno della road map.

Dal 20 agosto 2008 al 30 settembre 2009 è stato Rappresentante Permanente d`Italia alle Nazioni Unite a New York dove ha guidato la delegazione italiana al Consiglio di Sicurezza durante l'ultimo periodo del biennio italiano come membro non permanente nel 2007-2008 concentrandosi in particolare su Aghanistan, questioni umanitarie e protezione dei civili nei conflitti.

Il 2009 e' stato per le Nazioni Unite un anno importante per la riforma del Consiglio di Sicurezza che ha visto l'Italia impegnata in prima fila, insieme ai membri del gruppo Uniting for Consensus, nel Negoziato Intergovernativo durante la 63ma Assemblea Generale. Quanto ai precedenti incarichi, ha prestato servizio presso il Ministero degli Esteri a Roma come Vice Segretario Generale, Direttore Generale per la Cooperazione Politica Multilaterale e Diritti Umani e Direttore Politico occupandosi principalmente di sicurezza internazionale e di questioni politiche, con particolare riferimento all`attività del Consiglio di Sicurezza, dell` Assemblea Generale e del Consiglio per i Diritti Umani delle Nazioni Unite oltre che quella di organi quali il Consiglio Europeo, la NATO, il G8 e l`OSCE.

Tra le priorita' della sua azione vi e' la promozione delle eccellenze italiane nel settore dell'impresa, della ricerca e della cultura. Tale obiettivo e' perseguito anzitutto con l'intensificazione dei rapporti istituzionali con l'Amministrazione, il Congresso e i principali soggetti della vita economica degli Stati Uniti. A cio' l'Ambasciatore Terzi ha affiancato un forte impegno nella programmazione di grandi progetti culturali e di sostegno alle aziende italiane, promossa anche attraverso i piu' moderni strumenti della public diplomacy.

Tra i principali risultati di questa azione vi sono: Italy @ 150, il programma condotto in tutte le principali citta' americane per celebrare i 150 anni dell'Unita' d'Italia sotto l'Alto Patronato del Presidente della Repubblica; la campagna per la diffusione dell'insegnamento della lingua italiana negli USA che, grazie al contributo di imprese italiane e della comunita' italo-americana, ha consentito al Governo italiano di riportare dal settembre 2011 la lingua italiana tra le materie dell'Advanced Placement Program che riconosce crediti formativi universitari; il successo della serie di seminari Global Health su temi quali l'invecchiamento e l'obesita'; la creazione di siti quali usspeaksitalian.org e italy4kids per la diffusione della conoscenza della cultura italiana tra i piu' giovani anche attraverso i social network; la costituzione di “reti” che collegano scienziati, ricercatori e professionisti italiani che lavorano negli USA.

L`Ambasciatore Giulio Terzi di Sant`Agata aveva iniziato la sua missione presso l'Ambasciata d'Italia a Washington il 1º ottobre 2009.

a.ceresoli

© riproduzione riservata