L'officina in uno smartphone
ma Bergamo inventa anche «Lasaroo»

Utilizzare il tablet per migliorare le prestazioni della propria motocicletta. Ora è possibile grazie a un team di inventori dell'Università di Bergamo e del Politecnico. Così come scaricare un'applicazione, «Lasaroo», che aiuta a gestire il tempo libero.

L'officina in uno smartphone ma Bergamo inventa anche «Lasaroo»

Abbandonare il cacciavite e utilizzare il tablet per migliorare le prestazioni della propria motocicletta. Ora è possibile grazie a un team di giovani inventori dell'Università degli studi di Bergamo e del Politecnico di Milano. Hanno ideato una applicazione per smartphone o tablet capace di correggere il profilo tecnico delle sospensioni di una moto ottimizzando, mediante l'uso di sofisticati ammortizzatori elettronici dotati di sensori di movimento, le prestazioni dei veicoli su due ruote.

Il docente Sergio Savaresi e il ricercatore Cristiano Spelta hanno così deciso di depositare il loro brevetto ed è stato acquisito da una prestigiosa azienda motociclistica italiana oltre che da e-Shock, uno spin off dell'Università. In tutto a oggi l'Università di Bergamo può contare circa 29 brevetti, di cui dieci di ateneo e 19 depositati da aziende ma dove i docenti sono coinvolti come inventori. Nove di queste invenzioni sono state brevettate negli ultimi due anni: il dna italiano per l'invenzione non è sopito per fortuna, nonostante molti ricercatori in fuga verso l'estero.

Lui è un consulente informatico di Lovere, 34 anni. La sua creatura si chiama Lasaroo ed è nata un po' per gioco, un po' per sfida. E ora è un successo: si tratta di un'applicazione per smarphone che, lo si intuisce dal nome, aiuta a gestire il tempo libero. Per renderla operativa ci è voluto un anno di lavoro. Ora basta un click sulla tastiera per avere a portata di mano tutto quello che succede nel raggio di 200 chilometri: concerti, spettacoli teatrali, sport, fiere, sagre.

«L'idea è nata circa un anno fa per rispondere all'esigenza di chi, come turista o cittadino, cercava uno strumento unico e non dispersivo da cui attingere informazioni su dove andare. Tra le realtà delle applicazioni mobile non ne esisteva una di riferimento che unisse diversi tipi di eventi, senza limitarsi al nightlife da discoteca», spiega Benaglio.

«Così ho pensato a Lasaroo. Applicazione mobile per iPhone e iPad, per ora scaricabile gratuitamente solo per gli AppStore italiani, in futuro anche per Android e Windows Phone, contiene informazioni in multilingua, aggiornate e geo-localizzate su quanto avviene nel raggio di 200 chilometri e raggruppato per tipologia: locali; discoteche; concerti; spettacoli dalla danza al teatro; mostre; sport; sagre, fiere, degustazioni e raduni». L'applicazione sinora è stata scaricata da 3.000 utenti.

Leggi di più su L'Eco di venerdì 18 novembre

© RIPRODUZIONE RISERVATA