Giovedì 29 Dicembre 2011

Tassa soggiorno: dal 1° gennaio
entra in vigore nella nostra città

Entra in vigore lunedì 1 gennaio l'imposta di soggiorno, approvata a metà dicembre dal Consiglio Comunale di Bergamo. Il nuovo tributo prevede una tassa di 3,50 euro a notte e a persona per gli alberghi a 4 stelle, di 2,50 euro per i tre stelle, di 2 euro per le case di ferie, gli affittacamere, le case e gli appartamenti per vacanza, i B&B e gli agriturismi, di 1,70 euro per gli alberghi a due stelle, e 1 euro per le strutture ad una stella e per gli ostelli.

Ascom, che insieme alle altre associazioni di categoria si è battuta in un primo momento per impedire e successivamente per ritardare di un anno l'introduzione della nuova imposta, ora si sta muovendo per accompagnare gli imprenditori del turismo nell'agevolare i compimenti richiesti dall'amministrazione comunale.

L'Associazione orobica sta diffondendo del materiale informativo che evidenzia gli adempimenti fiscali a carico dell'albergatore e che riguardano:
• l'esposizione di un cartello che indichi sia gli importi dell'imposta applicabile per ogni pernottamento (fino ad un massimo di 10 giorni) sia e i casi di esonero (che devono essere provati da apposita documentazione);
• il rilascio della quietanza, che va eseguito al termine del soggiorno. A tal proposito può essere emessa una specifica “ricevuta” nominativa, ovvero l'imposta riscossa può essere evidenziata nella ricevuta fiscale rilasciata al cliente, oppure inserita in fattura con la dicitura «operazione fuori campo Iva»;
• l'opportunità di specificare nel registro dei corrispettivi, tramite apposita colonna, l'importo giornaliero incassato a titolo di imposta di soggiorno;
• la comunicazione al Comune, fatta anche tramite posta elettronica certificata, del numero di persone che, a trimestre, hanno pernottato, indicando il periodo di permanenza diviso tra pernottamenti imponibili ed esenti (non i nomi e cognomi ma i totali dei due elenchi).
• il versamento dell'imposta incassata entro 30 giorni dalla fine del trimestre, attraverso bonifico bancario o bollettino postale.

Si segnala inoltre che, nel corso delle numerosi incontri che si sono susseguiti tra Associazioni di categoria e Amministrazione comunale, quest'ultima si è impegnata a riconoscere un contributo economico per i costi di adeguamento dei sistemi informatici, oltre che a rafforzare il controllo sull'abusivismo, che dal primo gennaio 2012 si tradurrà anche in evasione dell'imposta di soggiorno.

Ascom sempre con l'intenzione di sostenere e accompagnare i propri associati, ha in programma per mercoledì 11 gennaio 2012 alle ore 15 nella sede di Via Borgo Palazzo 137 (piano terra sala Villa) un incontro con gli albergatori della città e dell'hinterland a cui a breve, si teme, potrà estendersi l'introduzione dell'imposta. Il materiale informativo può essere scaricato dal sito www.ascombg.it

m.sanfilippo

© riproduzione riservata