Mercoledì 11 Gennaio 2012

Per i 300 dipendenti «Locatelli»
cassa straordinaria per un anno

È stato raggiunto nella mattinata di mercoledì 11 gennaio a Dalmine, negli uffici dello Studio Rossetti, un accordo per la cassa d'integrazione straordinaria per tutti i 300 dipendenti della Locatelli, da oggi messa in liquidazione a seguito della interruzione - su iniziativa del consorzio Bbm - dei lavori e delle forniture inerenti all'arteria autostradale Brebemi, che ha portato al fermo dei relativi cantieri.

L'accordo tra sindacati di categoria degli edili (FENEAL UIL, FILCA CISL, FILLEA CGIL) e dei trasporti (FILT CGIL, FIT CISL, UILTRASPORTI) e i rappresentanti della società, nelle persone dei liquidatori, prevede la richiesta dell'ammortizzatore per cessazione di attività della durata di 12 mesi, per 4 società del gruppo (Locatelli Gabriele geom., da Locatelli Lavori, Asfalti geom. Locatelli srl, Locatelli Trasporti) che ancora hanno aperti cinque cantieri, con rotazione di tutti i lavoratori.

Nell'intesa è prevista anche una serie di procedure per la formazione attraverso la scuola edile, azioni mirate per il ricollocamento, e un incontro periodico tra le parti per valutare l'evolversi della situazione.

«Abbiamo raggiunto un accordo a sostegno e tutela dei lavoratori - dicono dalla parte sindacale - grazie al quale pensiamo di riuscire a garantire almeno un po' di sicurezza ai dipendenti del gruppo, particolarmente provati da una situazione esplosa violentemente e all'improvviso».

«Garantiremo inoltre un monitoraggio costante degli accordi, per valutare eventuali nuove misure utili per uscire dall'emergenza. Nei prossimi giorni faremo un'assemblea con tutti i lavoratori, per sottoporre anche al loro giudizio i contenuti dell'accordo».

m.sanfilippo

© riproduzione riservata