Merelli, la salma a Lizzola:
camera ardente al «Camoscio»

Mario Merelli è tornato a casa. La camera ardente è stata allestita nell'abitazione della famiglia, al Meublé Camoscio, da sempre di proprietà della famiglia Merelli. La salma, era stata inizialmente trasportata nella sede del Soccorso alpino di Valbondione.

Merelli, la salma a Lizzola: camera ardente al «Camoscio»

Mario Merelli è tornato a casa. La camera ardente è stata allestita nell'abitazione della famiglia, al Meublé Camoscio, da sempre di proprietà della famiglia Merelli. La salma, era stata inizialmente trasportata nella sede del Soccorso alpino di Valbondione.

Qui è rimasta fino all'arrivo della moglie, Mireia Giralt, rientrata immediatamente dalla Spagna non appena appresa la notizia della tragedia: all'arrivo si sono vissuti momenti di intensa commozione perché Mireia si è avvicinata al marito e gli ha dato un bacio.

Intorno alle 14,50 è iniziato il trasferimento dalla sede del Soccorso alpino a Lizzola: al meublé «Camoscio» sono attesi i tanti amici, conoscenti e appassionati di montagna che vedevano il Mario Merelli un esempio e una guida.

La data dei funerali non è stata ancora fissata.

© RIPRODUZIONE RISERVATA