Martedì 21 Febbraio 2012

Scuola e università
Oltre 15mila al voto

A cinque anni di distanza dall'ultimo rinnovo e dopo due rinvii dell'appuntamento con le urne, dal 5 al 7 marzo, oltre ai dipendenti della pubblica amministrazione, anche i lavoratori di scuole, università e istituti musicali potranno eleggere i propri rappresentanti sindacali in tutto il Paese.

A Bergamo e in provincia saranno chiamati al voto più di 15mila lavoratori delle scuole statali e circa 260 di Università e Conservatorio. “Attendiamo le elezioni dal 2009, quando si sarebbero dovute tenere nel mese di dicembre. Dopo ben due rinvii da parte del Governo Berlusconi e del ministro Brunetta, i lavoratori dei settori della Conoscenza potranno finalmente eleggere i propri Rappresentanti Sindacali nei luoghi di lavoro” spiega Tobia Sertori, segretario provinciale della Flc-Cgil.

“La Flc-Cgil di Bergamo sarà presente in più del 93% delle scuole ed anche all'Università e al Conservatorio Donizetti. Abbiamo 324 candidati in 138 liste. In vista dell'appuntamento elettorale, vogliamo sottolineare quanto le RSU significhino per la democrazia sul lavoro e per la trasparenza. Nella Flc-Cgil il delegato RSU viene messo al centro dell'attività generale, partecipando, ad esempio, alla stesura delle proposte contrattuali. Tocca ora ai lavoratori esprimersi col voto, facendo sentire la propria voce a chi avrebbe voluto cancellare la democrazia nei luoghi di lavoro e la contrattazione di secondo livello”.

Il 28 febbraio si svolgerà l'iniziativa Rsu Cgil Day: tutti candidati delle liste Flc-Cgil di scuole, università e del Conservatorio sono invitati ad incontrare al centro congressi auditorium della Provincia, in via Corridoni 16 a Milano, Roberto Vecchioni, che terrà una lectio magistralis dal titolo “Democrazia e cultura”, Domenico Pantaleo, segretario generale nazionale della Flc-Cgil, e Susanna Camusso, segretario generale nazionale della Cgil. Da Bergamo (piazzale della Malpensata) partirà un autobus alle ore 7.45 (con rientro previsto per le ore 14.30).

a.ceresoli

© riproduzione riservata