Martedì 27 Marzo 2012

Mantenere un figlio costa 300mila euro
Tu cosa ne pensi? Scrivicelo in redazione

Crescere un figlio? Dalla nascita all'università costa 300mila euro. L'istruzione rappresenta una voce importante nel bilancio familiare. Alle spese per libri e retta universitaria si aggiungano i gadget tecnologici, i vestiti, le vacanze, ed ecco che si arriva a un costo stimabile in circa 300mila euro.

A stendere il conto è il settimanale «Amica», che ha deciso di confrontare la spesa delle famiglie italiane per i figli oggi con quel che accadeva nel 1965. Allora il settimanale aveva condotto un'inchiesta da cui risultava che per mantenere un figlio servivano 20 milioni di lire, l'equivalente, si scriveva: «di una villa in campagna, una ventina di automobili, uno yacht».

Erano gli anni del boom economico, quando un corredino da neonato costava circa 40 mila lire, equivalente a 396 euro odierni. Secondo la stima di Francesco Daveri, docente dell'Università degli Studi di Parma e dell'Università Bocconi, infatti «1.000 lire di allora corrispondono a 9,90 euro di oggi, con una perdita del potere di acquisto di quasi il 50%».

Oggi invece crescere un figlio in Italia costa in media 300 mila euro, più o meno quanto un piccolo appartamento in una grande città, e incide per il 35% sulla spesa familiare.

Sulla contabilità familiare pesano soprattutto i costi di istruzione e sono in aumento le spese per le nuove tecnologie, dal cellulare al computer, mentre per abbigliamento e giochi si punta molto sul riciclo. La baby-sitter o l'asilo nido privato sono spesso inevitabili, visto che, come ricordano i dati Istat, solo nel 30% dei comuni italiani sono presenti strutture pubbliche.

Inevitabile quindi risparmiare con non poche rinunce per i genitori, dagli svaghi alle vacanze, fino alle opportunità professionali e di studio all'estero. Si cerca poi di educare i ragazzi al senso di responsabilità e a uno stile di vita meno consumistico, anche se «non è facile».

E tu cosa ne pensi? Dì la tua scrivendo a [email protected]

a.ceresoli

© riproduzione riservata