Venerdì 30 Marzo 2012

Un lettore: «Imu? Non è vero
Casa in periferia, pagherò di più»

Un lettore ci ha scritto, replicando a quanto diffuso dalla Fiaip. «Imu più leggera? Non è vero» - dice. «Con casa in periferia, anzi in un paese della cintura di Bergamo, io pargherò di più». E non poco, secondo i suoi calcoli: + 54 % sul 2007.

Ecco in sintesi la sua lettera
«Spettabile Redazione,
ho appena letto l'articolo pubblicato oggi, nel quale si dice (fonte Fiaip) che si sta facendo disinformazione sull'incidenza dell'Imu sulla prima casa, sovrastimandola.

Vi porto il mio caso. Sono comproprietario con mia moglie di un trilocale, nostra prima (ed unica, per fortuna) casa. Non è in centro, anzi in un paese della cintura di Bergamo. Non è in una casa di lusso, quindi potrei dire che è una casa "media", e quello che capita a noi capiterà a moltissimi.

Nel 2007 pagammo 310 Euro di Ici (c'era una riduzione di imposta pari a 140 Euro).

Nel 2012 pagheremo 480 Euro di Imu, nonostante la riduzione sia stata portata a 200 Euro.

Fa un bel +54% di imposta (2012 vs. 2007).
Sono calcoli semplicissimi da fare.

L'alleggerimento lo vedranno in pochi, magari chi abita in case vecchie, di proprietà, e ha 5 figli! Quanti sono in queste condizioni...?
Quello che bastona è il famoso incremento del 60% sul 105% della rendita catastale ufficiale.

Alllora vuol dire che la "disinformazia" la fa Fiaip perché l'articolo tende a "ammorbidire" i contribuenti, facendo credere loro che tutto sommato ne usciranno bene. Non è vero, anche e soprattutto perché questo incremento di tasse non è l'unico, ma si somma ad altri svariati. Non prendeteci per allocchi...

È chiaro che FIAIP cerca di invogliare la gente a comperare immobili, visto che se ne vendono pochini, al momento. Ma questa non è informazione, ma un bel redazionale...
Distinti saluti».

Marcello

r.clemente

© riproduzione riservata