Martedì 03 Aprile 2012

Tante novità per i Lidi del Sebino
tra sport e tintarella a filo d'acqua

L'estate a Sarnico non sarà più la stessa. L'amministrazione comunale insieme a tante associazioni del territorio ha infatti messo in moto ed incentivato grandi novità per animare ulteriormente i Lidi che la cittadina sul Sebino offre. Oltre 60.000 metri quadri ad ingresso libero che ogni estate vengono presi d'assalto da migliaia di turisti e cittadini, ogni giorno. Lido Nettuno, Lido Fontanì, Lido Cadè, Lido Fosio: c'è davvero l'imbarazzo della scelta.

Quattro aree verdi a lago, completamente riqualificate e ben attrezzate a disposizione di tutti da aprile fino a ottobre. Le peculiarità? Da questa stagione ciascun Lido sarà caratterizzato da una specifica vocazione, in senso sportivo e non solo. Le principali novità della prossima stagione riguardano il Lido Fontanì: da oggi infatti il parco che ospita la chiesetta Stella Maris sarà la sede di numerosi sport d'acqua come wakeboard, wakeskate e wakesurf, sotto la guida dello Spritz Wakeboard Club lago d'Iseo che da aprile fino a ottobre, dalle ore 9 alle ore 21, sarà presente con corsi e insegnamenti per tutti i livelli. Ma non solo. Da qualche tempo è tornata a disposizione della comunità, seppure in comodato, anche la Casa Fontanì, l'edificio storico all'ingresso del parco: oltre 100 metri quadri che verranno gestiti, come il parco, dalla Polisportiva e utilizzati per eventi, rassegne, feste e ricorrenze varie.

Insomma, un parco di circa 8.000 metri quadri che torna ad essere animato sempre più, soprattutto da giovani cittadini e turisti. Ma ci sono novità anche per il Lido Cadè ( conosciuto anche come Holiday): alcune associazioni tra cui CSI, gruppo Scout, Naecc e Oratorio si prenderanno cura di una porzione di quest'area verde (circa 1000 metri quadri) che diventerà la nuova sede per tutti coloro che intendono usare i kajak ( già presenti in passato al Lido Nettuno) e anche il naecc. Uno sport per tutti che già nelle scorse stagioni aveva fatto registrare un grande numero di iscritti e appassionati.

Di wakeboard si occupa anche l'A.S.D. Wakemas: sede amministrativa a Paratico, ma sede nautica al lido Cadè di Sarnico. Si tratta della prima associazione sportiva totalmente dedicata al wakeboard sul Sebino, attiva dal 2005. Quest'anno porterà per la prima volta una gara del campionato regionale sul lago d'Iseo.

Passando in rassegna i Lidi di Sarnico la parte del leone la fa indubbiamente il Lido Nettuno, una delle aree verdi più grandi ( oltre 40.000 metri quadri) e meglio attrezzate che il Sebino possa offrire. Un Lido peraltro sempre in movimento perché, dall'avvenuta riqualificazione ad opera dell'amministrazione comunale , sono state realizzate attrezzature e campetti per praticare beach volley, pallavolo, calcetto, tennis e basket. Senza dimenticare lo spazio relax per chi l'estate la intende in orizzontale, a godersi il sole sul lago. Proprio a quest'ultimi è dedicata la novità della stagione 2012: è infatti terminata la prima parte della passerella-solarium che consentirà a tutti di abbronzarsi direttamente a pelo d'acqua. Infine, non ci si può dimenticare del quarto lido sarnicese, ovvero il Lido Fosio: un'area libera di oltre 10.000 metri quadri a disposizione di turisti e cittadini per il tempo libero all'aria aperta.

Soddisfatto il sindaco di Sarnico Franco Dometti: «Vedere la nostra cittadina sempre in movimento ci fa immenso piacere. Abbiamo lavorato molto e sodo per fare in modo che le bellezze del nostro territorio tornassero a disposizione della comunità e del lago e così è stato, proprio a partire dai parchi. Da qualche anno i turisti vengono a Sarnico e non si fermano alla semplice passeggiata sul lungolago: scelgono di fermarsi in una delle tante aree che abbiamo riqualificato e attrezzato ad hoc per favorire lo sport ed il tempo libero - ha detto il primo cittadino - E non lo fanno solo i turisti bensì anche i nostri concittadini che tornano a vivere Sarnico, il loro paese, al 100%. Quale migliore soddisfazione per un'amministrazione comunale al lavoro?».

fa.tinaglia

© riproduzione riservata