Mercoledì 04 Aprile 2012

Per le Terme di San Pellegrino
in arrivo gli «effetti speciali»

Il progetto delle nuove terme di San Pellegrino è pronto. Mercoledì sarà ufficialmente presentato in municipio. Per la cittadina termale, dal passato straordinario ma ora decadente, una tappa storica verso la rinascita.

Dopo aver abbandonato i disegni del francese Perrault «perché poco funzionali» e del giapponese Kuma, la proposta definitiva (il progetto è del gruppo «De8 architetti» e Marco Ferreri design, il costo è di 16 milioni di euro) prevede la realizzazione del centro termale nell'ex hotel Terme-Milano e nel complesso del porticato che arriva fino al casinò, entrambi di proprietà del Gruppo Percassi. Un centro che, secondo le previsioni, potrebbe portare fino a 200 mila presenze annue.

«Avrà oltre 4.000 metri quadrati di superficie coperta – spiegano dal gruppo privato – e saranno le terme più grandi gestite da Quadrio Curzio. Rispetto alle previsioni iniziali, peraltro, è stata tolta la percentuale di spazio che si voleva riservare esclusivamente all'albergo Terme. Si verrà a creare un complesso monumentale unico, comprensivo di casinò e terme, che diventerà di proprietà completamente pubblica».

Niente termalismo sanitario, però, quello che, negli ultimi anni, aveva portato alla decadenza, ma un complesso moderno.

Leggi di più su L'Eco in edicola mercoledì 4 aprile

a.ceresoli

© riproduzione riservata