Martedì 22 Maggio 2012

Salvare il tribunale di Clusone:
mozione approvata al Pirellone

Un intervento presso il ministero di Giustizia e il Consiglio superiore della Magistratura per mantenere le sedi distaccate dei Tribunali di Clusone, Breno e Menaggio è stato chiesto alla giunta dal consiglio regionale, che ha approvato all'unanimità una mozione sottoscritta da rappresentanti di diversi gruppi consiliari: Barboni, Martina, Gaffuri, Girelli e Ferrari del Pd; Saffioti, Rinaldin e Parolini del Pdl; Sola dell'IdV; Bianchi, Frosio e Pedretti della Lega Nord e Bettoni dell'Udc.

nella mozione si sottolinea la necessità di garantire a bacini così vasti e articolati i servizi della Giustizia, mantenendo l'operatività delle sedi territoriali. “La nuova legge finanziaria – ha spiegato il primo firmatario del documento Mario Barboni (Pd) - prevede la soppressione delle sezioni distaccate dei tribunali e il loro accorpamento al tribunale del capoluogo di provincia, creando così gravi disfunzioni per territori come la Val Seriana, la Val di Scalve e la Val Camonica dove non esistono collegamenti ferroviari e dove la frammentazione degli insediamenti è evidente. In queste particolari aree geografiche a carattere montano il servizio va assolutamente mantenuto, è inaccettabile la soppressione delle sezioni distaccate”.

Rispetto alla versione originaria della mozione, che prevedeva le sole sedi di Clusone e Breno, è stato il consigliere regionale Gianluca Rinaldin (Pdl) a chiedere l'inserimento anche della sede di Menaggio, evidenziando come già nelle scorse settimane a firma sua e dei Consiglieri comaschi Dario Bianchi (Lega Nord) e Luca Gaffuri (Pd), era stata depositato analogo documento e richiesta.

Sulla necessità di tutelare le sezioni distaccate dei Tribunali sono successivamente intervenuti Gianantonio Girelli (Pd) e Dario Bianchi (Lega Nord), che ha sottolineato, in accordo con il capogruppo del Pdl Paolo Valentini, come il problema della soppressione delle sezioni distaccate sia generale e riguardi l'intero territorio lombardo, e “deve quindi essere affrontato anche in un'ottica complessiva”.

“E' senza dubbio un problema dell'intero territorio regionale – ha detto infine il presidente della Commissione Ambiente Giosuè Frosio (Lega Nord) - ma i presidi montani meritano attenzione prioritaria e particolare”.

r.clemente

© riproduzione riservata