Mercoledì 23 Maggio 2012

Rivoltana, incubo notturno:
pochi lampioni, troppa velocità

Non è considerata tra le strade più pericolose della Bergamasca, ma di certo la provinciale 185 Rivoltana è una delle più trafficate. Lo sanno bene muratori, artigiani, liberi professionisti e impiegati, che quotidianamente percorrono il tragitto di 32 chilometri da Mozzanica a Milano e viceversa, in attesa che la futura autostrada Brebemi possa potenzialmente portare sollievo al loro vivere e al traffico.

Esageratamente lenta di giorno e altrettanto veloce nelle ore serali e notturne: questa la doppia identità della provinciale posta più a sud del territorio bergamasco.

Una carreggiata che già alle 5,30 del mattino viene invasa dai pendolari diretti nel Milanese e ancora alle 19 offre uno scenario simile, però nella direzione opposta.

Il percorso che tocca i territori di Mozzanica, Fornovo San Giovanni, Caravaggio, Misano Gera d'Adda, Calvenzano e Arzago d'Adda, soprattutto la mattina illude i pendolari diretti verso il Milanese, risparmiandoli dai rallentamenti che si presentano però in tutta la loro snervante cronicità già all'altezza del ponte sul fiume Adda, nel territorio cremonese di Rivolta.

Tutto su L'Eco di Bergamo del 23 maggio

r.clemente

© riproduzione riservata