Mercoledì 08 Agosto 2012

Si getta nel fiume, la salvano
Poi scappa dall'ospedale

Si è buttata nell'Arno ed è stata salvata dai vigili del fuoco. Portata al pronto soccorso, è scappata ed è stata ritrovata in stato confusionale nei pressi di un minimarket. Acciuffata dalla polizia, è stata ricoverata in Psichiatria.

Tutto questo è accaduto lunedì nel giro di poche ore, a Pisa, a una trentunenne residente in provincia di Bergamo. La donna si trovava in Toscana – pare – in vacanza. I poliziotti infatti non sono ancora riusciti a interrogarla: la ragazza non vuole parlare e non collabora.

Nel tardo pomeriggio di lunedì, la donna si è gettata nell'Arno tentando il suicidio. Alcuni passanti hanno visto il corpo in acqua e hanno chiamato il 118 e il 115. La giovane è stata recuperata dai vigili del fuoco. Non era in gravi condizioni ed è stata portata al pronto soccorso dell'ospedale Santa Chiara.

La donna è stata sottoposta ai primi accertamenti e ha lasciato i vestiti bagnati, con il cellulare e il portafogli nelle tasche, al pronto soccorso. Con addosso un camice, mentre era in attesa di altri esami, è sparita.

Poco più tardi è arrivata una telefonata al 113 che segnalava una ragazza in stato di agitazione in un minimarket a Ghezzano, alla periferia di Pisa. La polizia l'ha rintracciata poco distante e ha nuovamente chiamato il 118. Sottoposta a un trattamento sanitario obbligatorio, la trentunenne è ricoverata nella clinica psichiatrica dell'ospedale Santa Chiara.

Leggi di più su L'Eco in edicola mercoledì 8 agosto

a.ceresoli

© riproduzione riservata