Sabato 18 Agosto 2012

Con il caldo giù caffè e cioccolato
In aumento il consumo di frutta

Il clima bollente ha cambiato la spesa degli italiani con un calo negli acquisti di caffè, cioccolato e salatini e un aumento medio stimato del 10% degli acquisti di frutta rispetto allo scorso anno, che ha riguardato tutte le principali varietà, dalle pesche alle susine fino ai cocomeri.

È quanto stima la Coldiretti, nel sottolineare che a salire sono anche i consumi di gelato e di acqua minerale in un'estate in cui il mese di luglio si è chiuso con 1,94 gradi in più rispetto alla media classificandosi al sesto posto tra i più caldi da oltre due secoli, mentre quello di giugno con +2,6 gradi si era classificato al terzo posto.

Con l'arrivo di Lucifero salgono a sette le ondate di calore che hanno attraversato il paese alterando la natura con - sottolinea la Coldiretti - oltre un miliardo di danni alle coltivazioni per la siccità ma anche modificando i comportamenti degli italiani.

Dai supermercati alle bancarelle nei mercati e nelle botteghe di campagna amica, ma anche nei chioschi attrezzati, si assiste ad un aumento consistente della domanda di frutta e verdura, con almeno 20 milioni di italiani che - stima la Coldiretti - la stanno consumando sia a pranzo che a cena.

Mangiare frutta e verdura è la miglior difesa nei confronti dell'afa, l'eccessiva sudorazione e il rischio di colpi di calore, perché sono prodotti rinfrescanti e ricchi di vitamine e sali minerali, indispensabili per non affaticare troppo l'organismo.

A beneficiare del caldo sono stati anche i consumi di gelato con una spesa stimata pari a 2,5 miliardi nel 2012 in cui si registra anche una crescita della richiesta dei gusti alla frutta tra i circa 600 disponibili.

m.sanfilippo

© riproduzione riservata