Lunedì 20 Agosto 2012

Un bacio per aiutare l'Africa
Il 26 serata Cesvi in Città Alta

Una serata speciale dedicata al Cesvi domenica 26 agosto dalle ore 19 alla «Baia San Giacomo», sugli spalti di Porta San Giacomo in Città Alta. Il gruppo di volontari Amici del Cesvi Bergamo ha lanciato per il secondo anno consecutivo una scommessa solidale: se 100 persone si baceranno sotto la vela, il locale «Baia San Giacomo» devolverà parte dell'incasso della serata al progetto umanitario del Cesvi «Fermiamo l'Aids sul nascere».

La serata era in programma a luglio, ma fu rinviata per una grandinata. Ogni coppia con il suo bacio contribuirà a far nascere bambini sani da madri sieropositive. Testimonial della serata Melita Toniolo e il comico bergamasco Omar Fantini che hanno scelto di prestare il loro volto e il loro «spirito» per questa importante causa. E dal mondo sportivo non farà mancare il proprio bacio il pugile italiano Luca Messi.

Nella cornice di uno dei luoghi più romantici di Bergamo si realizzerà questa iniziativa particolare organizzata da Cesvi insieme a Diego Capoferri con l'intento di raccogliere fondi in modo simpatico e alternativo in favore del progetto umanitario del Cesvi «Fermiamo l'Aids sul nascere». L'anno scorso, grazie al grande successo che ha riscosso la serata, Cesvi ha donato 15 trattamenti medico-alimentari ai bambini nati da madri sieropositive ad Harare-Zimbabwe.

Anche quest'anno l'obiettivo è ambizioso, per questo più baci fioccheranno più aiuteremo la popolazione Zimbabwana! L'iniziativa è realizzata con il contributo di Ubi-Banca Popolare di Bergamo e Central Hostel. I fotografi Fabrizio Zambelli e Mario Rota immortaleranno i momenti salienti della serata animata da Radio Number One con Massimo Biggi e Mirko Bertoldi.

Per la cena serata Taste in Jazz–Contaminazioni: alta cucina bergamasca «in salsa jazz» con le note degli Acid Frogs. Le grandi tradizioni gastronomiche bergamasche rivisitate dallo chef Elvio Beretta e dai prodotti Bocabuna per deliziare i palati in preparazione dei baci che prenderanno il via dalle 21.30 circa.

Il «Kiss Corner» sarà allestito da Archimania per rendere ancora più speciale questo gesto simbolico! Dal 2001 Cesvi è fortemente impegnato nella lotta all'Hiv/Aids nell'Africa australe con la campagna «Fermiamo l'Aids sul nascere», avviata 10 anni fa nel piccolo ospedale Saint Albert in Zimbabwe. La campagna è oggi attiva in Congo, Uganda, Sudafrica, Kenya e in Vietnam e prevede ad diverse attività: una terapia farmacologia per ridurre la trasmissione del virus dalle mamme sieropositive ai neonati accompagnata da un programma di prevenzione e assistenza alimentare e psicologica alle mamme; creazione di strutture di accoglienza e di lotta all'esclusione sociale per gli orfani dell'Aids; supporto e assistenza medica per i malati di Aids (accesso alle cure con farmaci antiretrovirali); promozione di campagne educative e di prevenzione con il coinvolgimento della popolazione e delle istituzioni locali.

In Italia Cesvi è attivo con azioni di sensibilizzazione che, proprio a partire dalla conoscenza del lavoro della Ong nel sud del mondo, mirano a sviluppare una cultura della responsabilità e dell'impegno tra i giovani italiani. L'Aids è ancora un'emergenza globale. Le persone contagiate dall'Hiv sono 34 milioni, in aumento rispetto al 2001, anno in cui si registravano 28.600.000 casi, ma in calo rispetto al 2006 (39,5 milioni), di cui il 50% donne e circa 3 milioni bambini (0-14 anni).

Nel 2010 vi sono stati 1,8 milioni di decessi nel mondo a causa di Aids e malattie collegate. Dall'inizio dell'infezione in tutto il mondo sono stati registrati circa 60 milioni di casi e 25 milioni di persone sono decedute a causa del virus. Il numero di nuovi casi registrati in un anno è diminuito, passando dai 3,1 milioni del 1999 ai 2,7 milioni del 2010. In Italia si stima vivano 150.000 persone con Hiv o Aids nella quasi totalità adulti (maggiori di 15 anni).

m.sanfilippo

© riproduzione riservata