Sabato 27 Ottobre 2012

Bergamo, Stazione e Carrara
Gli obiettivi della giunta Tentorio

Fra 18 mesi a Bergamo si tornerà alle urne per eleggere sindaco e consiglieri comunali. Sembra un orizzonte temporale lontano, ma passa in fretta e per l'Amministrazione comunale non c'è più tempo da perdere.

Franco Tentorio in un vertice con il segretario generale, gli assessori e i funzionari comunali ha fatto il punto.

Ci sono tante variabili, compresa la spending review...
«Cercheremo di portare a compimento le opere con i finanziamenti certi, per le altre l'idea è di avviarle siglando le convenzioni. Ogni assessore ha avuto 15 minuti per esporre le proprie proposte, poi abbiamo concordato su quali puntare».

Avete scelto una location affascinante per il vostro incontro, ma i tagli si fanno sentire: nemmeno un pranzo al ristorante?
«È giusto che la politica torni alla sua giusta misura. Abbiamo scelto la cascina Mulino ristrutturata dalla Mia davanti al monastero di Astino perché avevamo bisogno di tranquillità. E il custode ci ha preparato dell'ottima polenta

La «ricetta amministrativa» che avete studiato per Bergamo?
«Abbiamo messo sotto la lente d'ingrandimento le opere pubbliche. E su questo fronte la stazione è una delle più importanti su cui puntiamo. È l'ingresso alla città che vorremmo vedere funzionante e funzionale».

Poi c'è l'Accademia Carrara. Leggi tutto su L'Eco di Bergamo del 27 ottobre

r.clemente

© riproduzione riservata