Via i rifiuti sotto la Brebemi
A metà novembre la bonifica

A metà novembre inizierà l'asportazione del materiale scaricato sul sottofondo della Brebemi dai camion del Gruppo Locatelli. È quando stabilito ieri, nel Palazzo della Regione, al tavolo tecnico convocato per esaminare il piano di bonifica presentato dal Consorzio Bbm.

Via i rifiuti sotto la Brebemi A metà novembre la bonifica

A metà novembre inizierà l'asportazione del materiale scaricato sul sottofondo della Brebemi dai camion del Gruppo Locatelli. È quando stabilito ieri, nel Palazzo della Regione, al tavolo tecnico convocato per esaminare il piano di bonifica presentato dal Consorzio Bbm, l'ente incaricato della costruzione dell'autostrada. Il piano prevede l'asportazione e lo smaltimento di quel materiale in cui i periti nominati dal gip del tribunale di Brescia nell'ambito dell'inchiesta per traffico illecito di rifiuti che vede coinvolto il Gruppo di Grumello, hanno trovato valori di arsenico e cromo fuori norma.

Al tavolo erano presenti Regione, Provincia di Bergamo, Arpa e gli amministratori di Treviglio, Caravaggio e Antegnate, i tre paesi dove si trovano i tratti di autostrada su cui verrà messo in pratica il piano di bonifica. Tutti si sono trovati d'accordo con la proposta di Bbm: finite le operazioni di asportazione, l'Arpa effettuerà analisi sul terreno per verificare che il materiale irregolare non abbia rilasciato sostanze inquinanti. La bonifica non è un atto dovuto per il Consorzio Bbm che, insieme alla società di progetto Brebemi, sono considerate parte lesa nell'ambito dell'inchiesta in corso. Spetterebbe infatti a coloro ai quali, alla fine del procedimento giudiziario, verranno attribuite le responsabilità per le irregolarità trovate lungo il sottofondo dell'autostrada. 

Il problema però è che Bbm e Brebemi non possono aspettare: la costruzione dell'autostrada deve finire entro il 2013. Nei prossimi tre-quattro giorni il materiale irregolare verrà sottoposto a esami per definire in quale tipo di discarica dovrà essere smaltito. Avuti i risultati, per i quali serviranno altri circa dieci giorni, le ruspe e i camion (è previsto un traffico di 50 mezzi pesanti al giorno) partiranno con l'asportazione del materiale, circa 80 mila tonnellate. Il tutto dovrebbe avere una durata di circa 90 giorni.

© RIPRODUZIONE RISERVATA