Martedì 20 Novembre 2012

Educazione ambientale con Aprica
I rifiuti si studiano a scuola

Il Comune di Bergamo, Aprica e A2A Calore e Servizi, per il terzo anno consecutivo propongono alle scuole un progetto di educazione ambientale rivolto alla classi 4° e 5° delle primarie e alle classi 1° e 2° delle secondarie di primo grado.

La proposta per l'anno scolastico 2012/2013 si chiama «L'ambiente che ho in mente» ed è articolata su due incontri in classe di due ore ciascuno sui temi dei rifiuti, del riciclaggio, del recupero energetico e teleriscaldamento. La partecipazione per le scuole è gratuita. Al termine degli interventi le classi parteciperanno ad un concorso che prevede la realizzazione di un libro artistico, basato su un soggetto assegnato dagli operatori di Aprica e A2A Calore e Servizi.

Al termine del concorso saranno premiati gli 8 migliori lavori presentati: 4 per le scuole primarie e 4 per le scuole secondarie. Per questa edizione, prendendo spunto dal recente avvio della raccolta differenziata degli imballaggi in plastica, sarà proposto alle classi partecipanti di realizzare, oltre al libro, anche un manufatto che riproduca le sembianze del protagonista del libro, assemblato con plastica di recupero. Per il miglior lavoro è previsto un premio speciale.

Le iscrizioni al concorso sono aperte fino al 30 novembre e possono essere inviate:
- per email a [email protected]
- per fax allo 030 2057369

Un'altra novità che riguarderà le scuole di Bergamo nell'anno scolastico in corso è l'avvio, a titolo sperimentale, della raccolta di piccoli rifiuti elettrici ed elettronici (RAEE). In tre scuole di Bergamo, in via di definizione, saranno posizionati specifici contenitori per il conferimento di computer, fotocamere, videocamere, cartucce per stampanti e tutti quei rifiuti elettronici di piccole dimensioni normalmente utilizzati nelle case. L'operazione sarà coordinata da Aprica in collaborazione con il consorzio Karma, che si occuperà di mandare a riciclaggio e allo smaltimento i RAEE raccolti. La raccolta nelle scuole sarà effettuata dalla cooperativa sociale Ruah.

fa.tinaglia

© riproduzione riservata