«Strozza, strade ancora senza sale»
Un panettiere: passo sempre di lì

Strade ghiacciate, pericolosissime. Lo segnala un panettiere bergamasco che sulla strada di Strozza passa ogni giorno. E racconta: «Dopo l'incidente uno poi si aspetta che il sale sarebbe stato sparso abbondantemente sulla strada, invece niente...».

«Strozza, strade ancora senza sale» Un panettiere: passo sempre di lì

«Sono un panettiere che tutte le notti parte da Serina e raggiunge Rota D'imagna dove lavora. Domenica notte le strade erano abbastanza pulite fino a Selino per diventare bruttissime causa neve da Selino a Rota: il primo spazza neve della provincia a Rota Imagna è arrivato alle 6 del mattino».
Inizia così la lettera di un lavoratore della provincia bergamasca che racconta la sua esperienza sulle strade della Val Imagna, in riferimento a quanto accaduto nella mattinata di martedì quando un pullman carico di studenti è finito in una scarpata a Strozza.

«Martedì a mezzanotte le strade da Strozza a Rota D'imagna erano ghiacciatissime - continua il lettore - e devo ringrazire la trazione integrale abbinata alle gomme e ai controlli elettronici se non mi sono schiantato: alla notizia dell'incidente del pulman non sono rimasto meravigliato visto le condizioni della strada già di notte! Ma cosa si aspetta? La tragedia? Basta guardare i giornali: quest'inverno tre gravi incidenti si sono verificati sempre in quei punti causa ghiaccio o strade innevate! Siamo nel 2013 o nel 1900?» si domanda il lettore che conclude la lettera:

«Questa vicenda - conclude il panettiere bergamasco - è l'ennesima conferma dell'incuranza della Provincia o di chi ha l'appalto della pulizia neve e spargitura sale: dopo quanto sucesso uno poi si aspetta che il sale sarebbe stato sparso abbondantemente sulla strada, invece proprio nella curva dell'incidente (ed anche in altri tratti) era presente un notevole strato di brina: per fortuna le temperature non sono scese sotto zero come la notte precedende. Fosse stato così ci sarebbe stata un'altra tragedia sfiorata...».

© RIPRODUZIONE RISERVATA