Venerdì 22 Marzo 2013

Centinaia alla veglia per Giulio
Alle 15 i funerali a Qualino

E' il giorno dell'addio a Giulio Amighetti. Alle 15 a Qualino saranno celebrati i funerali del biker precipitato nella Val Gola. Anche ieri nella casa di via monte Santo è stato un continuo andirivieni di persone che alle 21 si sono ritrovate per la veglia.

Al momento di preghiera hanno partecipato tanti degli oltre 500 ricercatori che, complessivamente, si sono dati da fare da venerdì sera, subito dopo l'allarme per la sua scomparsa, fino alla nottata di martedì, quando il corpo di Giulio è stato recuperato dal Soccorso alpino.

Ieri è stata recuperata dalla val Gola, al confine tra Costa Volpino e Rogno, la bicicletta di Giulio. La mountain bike, una Specialized Camber bianca e nera, era incastrata tra gli alberi e le rocce degli strapiombi che caratterizzano questa valle, qualche metro più in alto del punto in cui era stato individuato il venticinquenne dopo quattro giorni di ricerche. Per riprenderla e restituirla alla famiglia di Giulio, sono saliti in val Gola alcuni volontari del Soccorso alpino e i carabinieri.

La bicicletta è ancora, incredibilmente, in condizioni perfette: ieri sera alle 18 è stata portata dai militari in caserma a Costa Volpino. Osservando da vicino, e in condizioni di luce ottimali, i posti in cui il giovane biker è stato ritrovato e dove la sua bicicletta si era fermata, gli amici e i suoi compagni di squadra del Team Tokens Cicli Bettoni stanno ancora cercando di capire come sia potuto accadere che Giulio sia morto così, mentre praticava il suo sport preferito.

Leggi di più su L'Eco di Bergamo in edicola

e.roncalli

© riproduzione riservata