Mercoledì 24 Aprile 2013

«Un fiore contro il bullismo»
La campagna in cinque paesi

Avere 15 anni è un'esperienza straordinaria: scuola, computer, sport, corsi di musica, telefonino, amicizie, primi amori. Tutto è rapido e vissuto intensamente. Ma cosa succede se tutti questi ambiti si trasformano in luoghi di ansia e paura? In Italia per 1 adolescente su 5, questo accade tutti i giorni.

Basta poco, un vestito sbagliato, un po' di timidezza, magari l'origine straniera a fare la differenza, a trasformarti in vittima di bullismo. Quelli che dovrebbero essere tuoi pari, tuoi amici iniziano a deriderti. La scuola diventa una prigione e se non bastasse, il tutto viene amplificato nei social network.

La tua vita privata messa alla gogna, ogni momento di imbarazzo ingigantito all'estremo. In tutto questo non c'è un attimo di pace, che sia mattina, a scuola, che sia pomeriggio, a casa attraverso pc e telefonino. A volte, manca il fiato, la paura e la solitudine sono schiaccianti. Conviene cambiare scuola? Conviene cambiare città? Conviene abbandonare la speranza?

Per fermare il dilagare del bullismo e della sua componente cyber, Telefono Azzurro dedica il mese di Aprile alla sensibilizzazione e prevenzione. «Si parla tanto oggi di bullismo e cyberbullismo. Conoscere il fenomeno è importante, ma non basta - commenta Ernesto Caffo, neuropsichiatra infantile, professore ordinario dell'Università di Modena e Reggio Emilia e presidente di "Sos Il Telefono Azzurro Onlus" -. Innanzitutto bisogna comprendere appieno le conseguenze relazionali ed emotive sulle vittime, spesso nascoste dietro un silenzio».

«Ma é essenziale intervenire tempestivamente anche sui "bulli", che apparentemente sono forti, ma possono nascondere grandi fragilità. Per combattere il bullismo é indispensabile creare una rete, capace di cogliere le prime difficoltà e offrire risposte alle singole situazioni: per questo Telefono Azzurro collabora con genitori, insegnanti - promuovendo il dialogo scuola famiglia - e con il mondo della pediatria, che ha un osservatorio privilegiato sull'infanzia».

Attivo da oltre 25 anni sul tema della protezione dell'infanzia e dell'adolescenza, Telefono Azzurro ha studiato programmi di intervento e prevenzione sul tema del bullismo, in tutte le sue declinazioni. Ogni giorno, attraverso il suo numero nazionale gratuito 1.96.96, la sua chat e la nuova App lanciata in collaborazione con Facebook (raggiungibile all'indirizzo https://www.facebook.com/pages/SOS-Il-Telefono-Azzurro-Onlus/44991281207) e la sua attiva presenza nelle scuole italiane, Telefono Azzurro si pone come primo interlocutore per i ragazzi, i genitori e gli insegnati in cerca di aiuto concreto e consigli. Tutto questo però richiede ingenti investimenti.

Per fermare il bullismo, Telefono Azzurro promuove quindi all'interno del mese di Aprile, la campagna «Ci vuole un Fiore». Sabato 27 e domenica 28 aprile, l'Associazione sarà presente in provincia di Bergamo per parlare di questo tema, delle iniziative che l'Associazione promuove quotidianamente, anche all'interno delle scuole e fornire consigli utili per ragazzi, genitori e insegnanti.

A fronte di una donazione, sarà possibile contribuire così al sostegno della linea d'Ascolto 1.96.96 (linea gratuita per bambini, adolescenti e adulti) e della chat sul sito www.azzurro.it . L'aiuto e il sostegno verranno ricambiati con un fiore. Aiutaci a fermare il bullismo, partendo da un fiore. Trova la Piazza più vicina a te e: chiama il numero verde 800.090.335 o vai su www.fioridazzurro.it

Nella Bergamasca saranno cinque le piazze interessate, a Foresto Sparso (domenica 28 aprile in via Roma e piazza San Marco), Grumello del Monte (sabato mattina 27 aprile in piazzale Mercato e domenica mattina 28 di fronte alla Banca Popolare di Bergamo), Lallio (mercoledì 24, sabato 27 e domenica 28 in piazza della Chiesa), Ponte San Pietro (sabato 27 aprile in via Garibaldi e piazza S.S. Pietro e Paolo) e Sedrina (sabato 27 e domenica 28 aprile di fronte alla chiesa).

m.sanfilippo

© riproduzione riservata