Mercoledì 22 Maggio 2013

Lega, domenica al voto in 1.500
La Val Seriana cerca un segretario

La Lega si riorganizza, per marciare verso le amministrative. Dopo il rinnovo della segreteria federale, anche sul territorio si cambiano gli assetti. Doppio round elettorale, domenica, per il movimento. Non solo comparirà col suo simbolo in quasi tutti e 12 i Comuni chiamati al rinnovo dei Consigli comunali, minitest in vista del voto 2014.

Ma, nella stessa data delle Amministrative, ha fissato un importante appuntamento organizzativo interno: l'elezione dei segretari delle sette Circoscrizioni (esclusa solo quella cittadina, non in scadenza) in cui il movimento è organizzato sul territorio. Alle urne - aperte dalle 8,30 alle 12,30, con scrutinio immediatamente dopo - sono chiamati 1.500 militanti, divisi per le rispettive zone: Basso Sebino, Isola, Bassa bergamasca, Valcavallina, Media Pianura, Valle Brembana e Valle Seriana. Proprio in Valle Seriana il risultato più atteso, dopo un anno e mezzo di commissariamento retto dall'ex consigliere regionale Roberto Pedretti.

Dal direttivo circoscrizionale a porte chiuse di lunedì sera sono emerse tre candidature «ufficiose» (perché altre potrebbero essere depositate alla segreteria provinciale entro 48 ore dal voto): quella dell'assessore provinciale alla Protezione civile Fausto Carrara, da poco anche segretario della sezione di Albino (incarico dal quale dovrebbe dimettersi se eletto), Ivan Caffi, assessore all'Agricoltura della Comunità montana e alla Persona nel Comune di Pradalunga, e Giovanni Morlotti di Nembro, già presidente dell'ente montano. Questi, al momento, i nomi in corsa. Ma non si esclude che da qui a domenica qualcosa possa cambiare. Perché se è vero che per il commissario Pedretti «la disponibilità data da più persone è segno di vitalità e di entusiasmo; i tre nomi sono usciti dal coinvolgimento di tutte le sezioni», per altri, invece, la triade potrebbe essere il segno delle eventuali divisioni che ancora attraversano il movimento in valle. In particolare Carrara e Caffi assommerebbero più ruoli; mentre Morlotti parrebbe più «libero» da impegni istituzionali. Nessuna smania, però, di trovare una candidatura unitaria. Per Pedretti i tre nomi sono ugualmente condivisi: «In questo anno e mezzo - sostiene - la Valle Seriana ha già ritrovato forza e coesione, ottenendo un consigliere regionale (Roberto Anelli, ndr) e un senatore (Nunziante Consiglio). Fare il segretario di Circoscrizione è più un onere che un onore, c'è da macinare chilometri da Schilpario a Pradalunga, però nei candidati c'è una gran voglia di fare, anche in prospettiva del voto 2014. I tempi sono giusti: il nuovo segretario avrà un anno di tempo per prepararsi a questo importante appuntamento elettorale».

Nelle altre Circoscrizioni si è arrivati a un nome unico o al massimo a una sfida a due. Con due conferme: in Valcavallina in pole l'uscente Ramon Pedretti, neo capo di gabinetto della Provincia, e nella Media Pianura favorito il già segretario Marco Facheris. Poi largo alle novità: nell'Isola in lizza Alberto Quadri e Tullio Angioletti; nella Bassa prende quota Gianluca Rossi, nel Basso Sebino il consigliere provinciale Monica Mazzoleni, in Valle Brembana faccia a faccia tra Alex Galizzi, consigliere comunale di Camerata Cornello ed Elisabetta Licini, candidata anche alle comunali di Paladina. Il rinnovo dei segretari circoscrizionali era stato «congelato» nel novembre scorso, in attesa che si chiarisse la situazione politica sia nazionale sia regionale. Ora il via libera, con il prolungamento del mandato da due anni (già scaduti) a tre, con il vincolo dei due mandati. «I segretari di Circoscrizione lavoreranno sul territorio in vista dell'appuntamento elettorale dell'anno prossimo, che vedrà al voto la maggior parte dei Comuni bergamaschi», spiega il segretario provinciale Cristian Invernizzi. In attesa, anche lui, di passare il testimone. L'appuntamento per il rinnovo dei segretari, infatti, precede di poco il congresso provinciale. «È confermato tra giugno e luglio, anche se non si sa ancora la data», annuncia Invernizzi che, diventato deputato, in quell'occasione dovrà lasciare l'incarico al suo successore. Chi? L'identikit è in via di costruzione.

fa.tinaglia

© riproduzione riservata