Mercoledì 29 Maggio 2013

Cani randagi, scatta l'allarme
In valle fanno stragi di caprioli

Dal 2010 al 2012 circa 60 carcasse di caprioli sono state trovate divorate in bassa Valle Brembana. Quaranta, in particolare, nella valle che divide Endenna e Poscante di Zogno. Già una decina le carcasse di altrettanti caprioli ritrovate dall'inizio del 2013 sempre nella bassa Valle Brembana, in particolare a Zogno, San Pellegrino, Sedrina, Ubiale e Brembilla. La causa è nota ai cacciatori e alla Polizia provinciale: cani randagi e cani padronali lasciati liberi nelle ore notturne che aggrediscono i caprioli.

«Un fenomeno in crescita – spiega Silvano Sonzogni, segretario dell'Ambito di caccia prealpino –. Se prendiamo i dati forniti dalla Polizia provinciale per il Comune di Zogno troviamo nell'ultimo triennio un incremento del 150%, ovvero 41 caprioli deceduti contro i 16 caprioli dal 2007 al 2009. Parliamo di numeri ufficiali, chissà, però, quante altre carcasse ci sono non rinvenute o non segnalate. A uccidere gli animali sono quasi sempre cani di grossa taglia lasciati liberi di girovagare la notte».

L'ultimo ritrovamento è avvenuto il 21 maggio, di mattina, nella valle di Endenna. Il fenomeno del randagismo sta assumendo dimensioni notevoli.

Leggi di più su L'Eco in edicola mercoledì 29 maggio

a.ceresoli

© riproduzione riservata