Sabato 01 Giugno 2013

Ranzanico, Golf contro pianta
Muore un 32enne di Lovere

Un'auto sfasciata contro un albero con un giovane ferito e un'altra vettura filata dentro al lago. È questa la scena terribile che si è presentata agli occhi dei soccorritori venerdì sera 31 maggio a Ranzanico al lago lungo la statale 42.

Uno scenario drammatico che si è aggravato dopo circa un'ora quando l'automobilista ferito, un 32enne, nonostante sia stato sottoposto alle manovre di rianimazione da parte dei soccorritori, è morto. Si tratta di Davide Bettoni, originario di Riva di Solto ma residente a Lovere.

I funerali di Bettoni, che aveva una carrozzeria di auto e moto d'epoca a Endine Gaiano, sono in programma lunedì 3 giugno alle 16,30 nella chiesa parrocchiale di San Nicola di Riva di Solto con partenza dall'abitazione dei genitori in via Ronchi 3, sempre a Riva di Solto.

L'allarme per l'incidente è scattato verso le 22 e subito sono stati mobilitati i mezzi di soccorso: sul posto due automezzi dei vigili del fuoco di Lovere, il nucleo del soccorso Saf (speleo, alpino, fluviale) di Bergamo, specializzato nella ricerca di dispersi nel lago, il 118 di Lovere, un'automedica di Bergamo e tre pattuglie dei carabinieri di Sovere, Clusone e Casazza per un incidente che vedeva coinvolte due auto e tre persone.

La dinamica del duplice schianto è ancora in corso d'accertamento da parte dei carabinieri, l'incidente si è verificato su un tratto rettilineo della statale 42 nel territorio di Ranzanico in condizioni non particolarmente disagevoli per la guida.

Non è quindi chiaro se le due auto si siano urtate in fase di sorpasso oppure se ci si stato uno scontro frontale dovuto a un invasione di corsia: una Golf Gti è andata a schiantarsi contro un albero a bordo strada, mentre una Ford Fiesta è uscita dalla sua carreggiata per finire nel lago.

Fortunatamente i due occupanti, M. I., 23 anni, e B. G., 22 anni, ambedue di Casnigo, sono riusciti a guadagnare la riva. Per loro grande choc, ma nessuna ferita preoccupante. Più grave è parsa subito la situazione dell'automobilista 32enne sulla Golf andato a sbattere contro la pianta.

Per far capire la violenza dell'urto, basta dire che il motore è schizzato fuori dalla sua sede, ha rotto una recinzione e danneggiato una casetta del metano. Il 32enne è rimasto incastrato nell'abitacolo e i vigili del fuoco hanno dovuto sollevare la vettura con un martelletto idraulico per liberarlo. Nonostante i disperati tentativi di rianimarlo, Davide - che non aveva i documenti con sé, cosicché ieri sera non è stato possibile identificarlo subito - è deceduto dopo quasi un'ora.

m.sanfilippo

© riproduzione riservata