Venerdì 07 Giugno 2013

«Slot, emergenza sociale»
Incontro al Mutuo Soccorso

«Game Over, slot machines ed emergenza sociale» è il titolo di un incontro pubblico che si terrà lunedì 10 giugno, alle ore 21 alla Sala del Mutuo Soccorso in via Zambonate 33, a Bergamo.

Negli ultimi anni in Italia si è registrata una vertiginosa crescita della diffusione del gioco d'azzardo. Accanto alla tradizionale proliferazione delle lotterie, si sono moltiplicate le sale da gioco ed è cresciuta la presenza delle slot machines all'interno dei bar e dei pubblici esercizi.

Complice il contesto di crisi economica, il problema delle ludopatie è diventato una vera e propria emergenza sociale, capace di sconvolgere migliaia di famiglie italiane. Si tratta di un'emergenza che da tempo ha ormai guadagnato le prime pagine dei giornali. Pressati da richieste di maggiori limitazioni, i Comuni sono ad oggi sprovvisti di strumenti normativi efficaci, in grado di rafforzare l'azione di prevenzione e contrasto.

La provincia di Bergamo è una delle più colpite. Secondo la classifica diffusa da “Il Sole24Ore”, basata su dati Mef, Aams e Agicos del 2011, la nostra provincia è undicesima a livello nazionale per spese nel gioco. Nella bergamasca, tra slot machines e lotterie, viene sborsato quasi il 4% del PIL provinciale.

L'Associazione InNOVA BERGAMO ha deciso di organizzare un incontro su questo tema, invitando a confrontarsi alcune personalità portatrici di diverse esperienze sul campo: quella amministrativa, quella socio-sanitaria, quella del mondo dell''informazione.

Alla tavola rotonda parteciperanno:
Riccardo Bonacina, direttore del mensile “Vita”; Eugenio Comincini, sindaco di Cernusco sul Naviglio; Giorgio Gandola, direttore del quotidiano “L'Eco di Bergamo; Marco Riglietta, direttore del Dipartimento delle dipendenze della ASL di Bergamo; Lorenzo Basso, deputato ed estensore della Legge regionale ligure per il contrasto del gioco d'azzardo; Giorgio Gori, presidente dell''Associazione InNOVA BERGAMO e moderatore della serata.

e.roncalli

© riproduzione riservata