Giovedì 13 Giugno 2013

Arcene: esplosione in un'azienda
Due feriti, i danni sono ingenti

Due feriti, fortunatamente non gravi, e danni per centinaia di migliaia di euro, almeno stando alle prime stime. È il bilancio di un'esplosione, seguita da un furioso incendio, che si è verificato all'interno di un'azienda di Arcene che si trova in via Gramsci. Il boato ha fatto tremare tutti i capannoni della zona.

Vigili del fuoco e mezzi di soccorso del 118 di Bergamo sono accorsi poco dopo le 11, appena è stato dato l'allarme. Lo scoppio si è registrato all'interno del capannone di un'impresa che si occupa della raccolta di rottami: per il momento non sono state avanzate ipotesi sulle cause e sull'origine dell'esplosione.

Il fumo, provocato dal furioso incendio che è seguito allo scoppio, era visibile a molti chilometri di distanza. Tante le telefonate ai pompieri e al centralino del pronto intervento 112. L'azienda interessata dal rogo si trova a ridosso della nuova circonvallazione di Arcene.

Nel capannone si trovavano rottami di ferro, gomme, bombole e vari macchinari. qui le fiamme hanno trovato facile esca. Nella struttura c'erano la titolare, un'amica, un operaio 36 di origine cubana e un parente della titolare.

Dopo l'esplosione tutti hanno tentato di aiutare a salvare il salvabile: in quel frangente l'operaio si è tagliato e ustionato le mani. In condizioni non gravi è stato portato al Policlinico di Zingonia. Aiuti sono arrivati anche dai capannoni vicini, ma molti macchinari sono andati distrutti: semidistrutto il capannone. I danni sono ingenti.

Leggi di più su L'Eco in edicola venerdì 14 giugno

r.clemente

© riproduzione riservata