Venerdì 14 Giugno 2013

Chiuso nell'auto sotto il sole
È morto il labrador dimenticato

È morto il labrador rimasto due ore chiuso in un'auto, con i finestrini alzati, sotto il sole del primo pomeriggio, dimenticato dal padrone che aveva parcheggiato ed era tornato a casa.

Il cane, dopo mezzora a una temperatura superiore ai 42 gradi, è riuscito ad attirare l'attenzione dei passanti che si sono prodigati per lui. In attesa dei vigili del fuoco e della polizia locale, hanno coperto il veicolo con dei tappeti e bagnato la carrozzeria con l'acqua.

Solo con l'intervento dei pompieri è stato possibile liberare il labrador, una femmina di otto anni di nome Zara. Tuttavia, le cure del veterinario non sono bastate a salvarla: è morta nella notte. L'automobilista, un 41enne che risiede in zona, è stato denunciato per abbandono di animale.

A notare il cane, alle 13.55 di giovedì, sono stati due ragazzi che stavano passeggiando in via San Tomaso, zona Accademica Carrara, all'altezza del civico 88. In una jeep scura, posteggiata di fronte ai negozi, il labrador saltava sofferente nel bagagliaio. I giovani subito hanno chiesto ai commercianti se il mezzo fosse loro, non riuscendo però a individuare il proprietario. Rapidamente, con il passare dei minuti, le condizioni dell'animale sono peggiorate. All'arrivo dei vigili del fuoco, attorno alle 14.30, il veicolo è stato inondato con l'acqua degli idranti. L'obiettivo era prendere tempo in attesa di rintracciare l'automobilista. Attorno alle 15.30 non riuscendo a contattare il proprietario, i pompieri hanno abbattuto il vetro e il labrador è stato consegnato alle cure di un veterinario interpellato dai negozianti. «Le sue condizioni erano terrificanti - spiega Carlo Costa - alle tre di notte è morta».

L'automobilista è stato raggiunto grazie al chip di Zara: è stato convocato in caserma dalla polizia locale, che intanto aveva fatto rimuovere il mezzo oramai danneggiato, ed è stato denunciato per abbandono di animale (la legge 727 prevedere un'ammenda da mille a 10mila euro e l'arresto fino a un anno).

e.roncalli

© riproduzione riservata