Mercoledì 19 Giugno 2013

Ritrovata l'auto della rapina
Sfuma l'ipotesi dell'ostaggio

È stata rintracciata in zona Forlanini, a Milano, la Panda su cui era salito martedì pomeriggio un malvivente, subito dopo aver rapinato una farmacia a Bariano. L'auto è intestata a un settantasettenne, ma viene usata dal figlio, sul quale ora i carabinieri stanno facendo degli accertamenti. Cadrebbe così definitivamente l'ipotesi dell'ostaggio, ventilata dal pomeriggio di martedì.

Il tutto è successo nel pomeriggio di martedì 18 giugno: verso le 17.30 un uomo di colore, alto circa un metro e novanta, con un cappello alla pescatora, la bocca coperta da un foulard e un paio di occhiali da sole, è entrato nella farmacia Maffeis di via Kennedy. Con la pistola in pugno si è fatto consegnare il denaro in cassa, poi è uscito inseguito dal titolare e dal figlio del titolare della farmacia.

I due, oltre ad alcuni negozianti della zona, hanno inseguito a piedi, lungo la strada provinciale, il rapinatore che, ad un tratto, si è voltato e li ha minacciati con la pistola: «Ti uccido, ti uccido» avrebbe urlato al titolare della farmacia, per poi continuare a correre. A un certo punto, però, secondo quanto raccontato da testimoni, il rapinatore avrebbe fermato una Panda color bronzo con a bordo un'automobilista.

Il rapinatore si è quindi seduto al posto del passeggero, e sempre con in pugno la pistola, ha sequestrato l'automobilista e lo ha fatto allontanare dalla zona, costringendolo a guidare per scappare dalla zona.

Dopo la rapina polizia di Stato e carabinieri , anche con l'ausilio di un elicottero, hanno dato il via ad una massiccia caccia all'uomo.

Il fatto ritenuta più strano è che il rapinatore, una volta allontanatasi da Bariano, non abbia poco dopo liberato il conducente della Panda. E che inoltre, dopo alcune ore, non sia arrivata ai carabinieri la denuncia di nessuna persona scomparsa. L'ipotesi che ieri sera ha preso più piede - avvalorata anche da alcuni filmati - è che in realtà a bordo dell'auto ci fosse un complice del rapinatore che si trovava lì apposta per aiutarlo nella fuga. Ipotesi sul quale le forze dell'ordine stanno facendo tutti gli approfondimenti necessari.

Leggi di più su L'Eco in edicola mercoledì 19 giugno

fa.tinaglia

© riproduzione riservata