Mercoledì 19 Giugno 2013

«L'infinito viaggiare» di Magris
tra le tracce proposte alla maturità

Sono circa mezzo milione gli studenti che mercoledì mattina, con la prima prova di italiano, hanno cominciato l'esame di maturità 2013. Anche quest'anno, l'invio delle tracce delle prove scritte è avvenuto per via telematica e non attraverso i fascicoli cartacei.

Per i candidati il solito ventaglio di scelte (analisi del testo, tema storico, tema di attualita, ecc.). La seconda prova scritta si svolgerà domani - giovedì 20 giugno -, mentre la terza e ultima è in calendario per lunedì 24 giugno.

E tu cosa ricordi della tua maturità? Raccontacelo qui

Ed ecco le tracce, che hanno lasciato perèplessi anche moltissimi studenti bergamaschi.

QUI TUTTE LE TRACCE DEL TEMA DI ITALIANO

* Un brano tratto da «L'infinito viaggiare» di Claudio Magris è una delle tracce proposte per la prova di italiano della Maturità 2013.  «L'infinito viaggiare», da cui è tratto il brano proposto agli studenti per l'analisi del testo, è un ampio diario, un resoconto dei più recenti viaggi compiuti dal Magris in varie parti del mondo perché incaricato o per propria intenzione. Il libro contiene un percorso lunghissimo, da luoghi, paesi, Stati vicini ed altri lontani, poco o per niente conosciuti, dalla Spagna all'Inghilterra, Svezia, Norvegia, Germania, Austria, Cecoslovacchia, Polonia, Australia, Iran, Cina, Vietnam, dalle Isole Fortunate ai tanti Stati dell'Europa centro-orientale, alle città, foreste, fiumi, mari, deserti di zone remote. Quasi l'intero pianeta viene mostrato dall'autore in queste pagine, con la lingua, la cultura, l'arte, la vita, gli usi, i costumi, la storia di ogni posto e il lettore, già dall'inizio, risulta attirato poiché può sapere cose nuove, sempre diverse, conoscere particolari dei quali non aveva mai avuto notizia e che solo al viaggiatore che li cerca non sfuggono.

Il ministero «ha deciso di percorrere una strada completamente rispetto al passato proponendo per l'analisi del testo un autore sì del '900 ma non appartenente al novero dei grandi». Lo sottolinea Daniele Grassucci, Responsabile delle Relazioni Esterne di Skuola.net. «Sicuramente gli studenti sono rimasti disorientati da questa scelta, che comunque non dovrebbe inficiare l'esito dell'esame, in quanto come tipologia di prova l'analisi del testo dovrebbe potere essere svolta senza un conoscenza specifica dell'autore. Da sottolineare comunque - osserva Grassucci - che l'Ispettore Luciano Favini, in una recente intervista a Skuola, aveva indicato che generalmente le scelte si indirizzano su un autore del Novecento noto. Ecco quest'anno l'eccezione cha fa la regola».

*
«Stato, mercato e democrazie» è un'altra delle tracce proposte ai maturandi così come «L'individuo e la società di massa». La traccia «Individuo e società di massa» è stata proposta nella tipologia B, redazione di un saggio breve o di un articolo di giornale, per l'ambito artistico-letterario. E sempre per la stessa traccia, tra i documenti è stato proposto un testo di Pierpaolo Pasolini tratto dagli Scritti Corsari.
Un'immagine video di "Lascia e raddoppia" del 1956, un dipinto di Renato Guttuso, "CaLciatori" del 1965 e uno dei più famosi ritratti di Andy Warhol, la splendida Marilyn Monroe (1967): sono tra i documenti allegati per la traccia "Individuo e società di massa" proposto per la Tipologia B (saggio breve o articolo di giornale) nell'ambito artistico-letterario.

*
Gli omicidi politici e la ricerca sul cervello sono invece altri due argomenti proposti ai candidati 2013 per i saggi brevi o articoli di giornale.
La traccia dedicata agli omicidi politici ha come riferimento alcuni tra i fatti di storia più rilevanti del '900: dall'omicidio del duca Ferdinando nel 1914 a Sarajevo a quello di Giacomo Matteotti nel 1924, alla morte di J.F. Kennedy a Dallas nel '63 fino al rapimento ed esecuzione di Aldo Moro nel '78.

*
«La rete della vita» per il tema generale e «Brics e Paesi emergenti» per il tema storico: sono le altre proposte per la prova di italiano.

Il ministro - «Sono al primo esame. È il primo esame anche per me». Il ministro dell'Istruzione, Maria Chiara Carrozza, al Tg1 ha spiegato che i preparativi per l'esame di Stato «sono andati molto bene». «Dentro al ministero - ha detto - ci sono tante professionalità che hanno sempre lavorato a queste prove. Per cui hanno lavorato come tutti gli anni, ma ogni anno c'è sempre l'emozione e la suspence».

Quanto allo stato d'animo dei ragazzi, «i giovani - ha osservato il ministro - sono molto tesi, lo vedo anche dai tweet che mi mandano, mi chiedono su Fb suggerimenti, in bocca al lupo. In questo momento - ha aggiunto - è bene stare tranquilli, rilassarsi, leggere tante volte le tracce, scegliere bene e farlo serenamente. L'importante è esprimere al meglio quello che si è fatto durante gli anni della scuola».

a.ceresoli

© riproduzione riservata

Tags