Giovedì 27 Giugno 2013

Trincea drenante, Nicora dal pm
L'esperto aveva dato il via libera

Non sono un tecnico e, proprio per questo, avevo interpellato un esperto di diritto amministrativo, un professore universitario: mi aveva risposto che l'assegnazione diretta dell'appalto da un punto di vista legale era fattibile. Carlo Nicora, direttore generale dell'Azienda Ospedaliera di Bergamo avrebbe risposto sostanzialmente così al magistrato che giovedì mattina lo ha interrogato per 4 ore, dalle 9 alle 13.

L'inchiesta è quella del pm Giancarlo Mancusi che vede indagati gli attuali vertici dell'ospedale (oltre al direttore generale Carlo Nicora anche quello amministrativo Peter Assembergs) per abuso d'ufficio per l'appalto senza gara affidato alla Dec Spa di Bari, titolare della costruzione dell'ospedale, per la realizzazione della trincea drenante.

Durante l'incontro con il magistrato l'attenzione si è focalizzata praticamente in toto sulla trincea. La situazione era già incanalata in questa direzione, avrebbe precisato Nicora. La tesi dell'Azienda Ospedaliera - opposta a quella del magistrato - è sempre stata quella che gli allagamenti erano imprevedibili, quindi la trincea era da ritenersi un'opera urgente e necessaria.

Nicora avrebbe ribadito più volte di essersi affidato a un esperto, confermando di essersi adeguato a questo parere illustre. E da quando sono arrivato - avrebbe anche precisato al pm - ho anche lavorato per creare una commissione tecnica che valutasse proprio tutte queste evenienze.

Molto più breve - circa un'ora - l'incontro col magistrato del direttore amministrativo Peter Assembergs. Avevo compiti amministrativi - avrebbe precisato sostanzialmente Assembergs - e non era mio compito entrare in decisioni tecniche: la delibera di assegnazione dell'appalto l'ho solo firmata.

Leggi tutto su L'Eco di Bergamo del 28 giugno

r.clemente

© riproduzione riservata