Lunedì 02 Settembre 2013

Zara morì nell'auto al sole
L'Enpa chiede il processo

L'Enpa, l'ente nazionale protezione animali, ha presentato alla procura di Bergamo una denuncia-querela nei confronti del proprietario di Zara, il labrador morto il 13 giugno scorso dopo essere stato dimenticato in via San Tomaso chiuso in auto, sotto il sole, con i finestrini alzati.

«Ci sentiamo a tutti gli effetti l'avvocato del cane per questo ne difendiamo i diritti. E se arriveremo a processo, ci costituiremo parte civile per ottenere un risarcimento».

Il legale dell'Enpa di Roma, l'avvocato Claudia Ricci, spiega i termini dell'azione legale avviata a seguito della denuncia sporta della polizia locale nei confronti del padrone. «I reati disciplinati dagli articoli 544 bis e ter del codice penale, cioè uccisione e maltrattamenti di animali, a cui si aggiunge anche l'articolo 727, sono procedibili d'ufficio e così è stato fatto dall'autorità che era accorsa sul posto. A metà agosto, abbiamo presentato una denuncia-querela, o tecnicamente una memoria, che raccoglie tutte le norme e i precedenti pronunciamenti della giurisprudenza che qualificano come reato il comportamento tenuto dal proprietario del cane».

L'obiettivo dell'ente «non vuole essere assolutamente persecutorio nei confronti del padrone del labrador – aggiunge l'avvocato – che avrà sofferto molto per questa distrazione. Tuttavia non poteva non sapere che con la sua condotta avrebbero messo in pericolo l'incolumità del labrador».

Leggi tutto su L'Eco di Bergamo del 2 settembre

r.clemente

© riproduzione riservata