Giovedì 12 Settembre 2013

Il Papa Giovanni va all'attacco
«Presto un ricorso in Tribunale»

«L'ospedale non è affatto costato 498 milioni. A oggi, a conti fatti ufficialmente, i fondi spesi ammontano a 471,4 milioni». Carlo Nicora, direttore generale dell'Azienda ospedaliera Papa Giovanni XXIII, ribadisce quanto affermato mercoledì 11 settembre nell'audizione in III Commissione consiliare della Regione Lombardia. E aggiunge, nel dettaglio: «340,2 milioni erano quelli dell'Accordo di programma per il nuovo ospedale, 73,7 milioni un finanziamento ottenuto fino al 2010, mentre sotto la mia direzione erano stati chiesti altri 85 milioni, ma quelli che sono stati effettivamente finanziati e impegnati non sono 85 ma 57,5. Nella richiesta per il finanziamento della Regione di 85 milioni c'era anche una previsione di spesa per eventuali contenziosi: ebbene, non ci servono finanziamenti per eventuali transazioni con l'impresa costruttrice Dec nella causa che ci è stata intentata per riserve per 150 milioni. L'azienda non transa, la perizia del Ctu ha sancito che tra le riserve avanzate dalla Dec sono riconosciuti circa 3 milioni di euro».

Non solo, l'Azienda va anche al contrattacco. «Entro fine mese presenteremo ricorso al Tribunale chiedendo un Atp, un Accertamento tecnico preventivo affinché un soggetto terzo si pronunci sulla nostra richiesta di risarcimento danni già inoltrata alla Dec per carenze e ritardi per 50 milioni di danni, e a progettisti e direzione lavori per inadempienze ed errori per circa 3 milioni di euro» illustra il dg.

Per saperne di più leggi L'Eco di Bergamo del 12 settembre

fa.tinaglia

© riproduzione riservata