Lunedì 23 Settembre 2013

Ancora sangue a Chiuduno
Lite fra immigrati, un ferito

Ancora i lampeggianti dei carabinieri, i mezzi del 118, un'arma e il sangue di un ferito. Ancora a Chiuduno. A due settimane esatte dalla tragedia di via Kennedy, al pestaggio e poi all'investimento di Kamur Baldev e della dottoressa Eleonora Cantamessa, torna la violenza fra stranieri a Chiuduno.


Teatro dell'episodio la via Montanari, zona ad alta concentrazione di residenti extracomunitari, dove poco dopo 19,30 di ieri un giovane di nazionalità pakistana è rimasto accoltellato al termine di una discussione successivamente sfociata in un violento litigio. Il confronto tra immigrati è divampato nei pressi di un negozio gestito da stranieri in via Montanari, la diagonale che dalla provinciale porta al centro congressi. Dalle parole si è passati ai fatti ed è spuntata una lama. Ad avere la peggio è stato un pakistano di 24 anni.

Il ferito non sarebbe in pericolo di vita e si trova ricoverato all'ospedale di Calcinate. Sull'accaduto stanno indagando i carabinieri della stazione di Grumello del Monte, i quali mantengono il più stretto riserbo sui fatti. Ma nella serata di ieri in stato di fermo alla stazione dell'Arma della Valcalepio sarebbero finiti due indiani, i quali potrebbero essere coinvolti nella lite terminata con l'aggressione del pakistano. Per cercare di chiarire le circostanze che hanno portato alla lite i carabinieri in serata hanno proceduto a sentire alcuni parenti dell'uomo rimasto ferito nella colluttazione. L'obbiettivo è cercare di capire se questa violenza sia scaturita da un contrasto accidentale oppure vi siano altre motivazioni dietro.

e.roncalli

© riproduzione riservata