Lunedì 23 Settembre 2013

Tre voli sanitari con il Falcon 50
A Orio al Serio un paziente di Bari

Tra ieri pomeriggio e questa notte un velivolo Falcon 50 del 31/o Stormo dell'Aeronautica Militare, ha condotto tre trasporti sanitari d'urgenza in poco meno di undici ore, toccando con i suoi spostamenti sei città italiane - fra le quali Bergamo - in cinque diverse regioni.

Tutti i trasporti hanno riguardato pazienti in attesa di un trapianto d'organo. Il primo volo sanitario, richiesto dalla prefettura di Brindisi, è stato svolto ieri pomeriggio da Brindisi a Pisa. Decollato da Ciampino alle 16.20, il velivolo dell'Aeronautica Militare è atterrato a Brindisi alle 17.20 circa e, dopo aver imbarcato il paziente, è ripartito alla 17:30 circa alla volta di Pisa.

Alle 18:45 il Falcon 50 è atterrato nell'aeroporto della città toscana, dove un'ambulanza lo attendeva per il trasferimento del paziente alla locale azienda ospedaliera. Nel frattempo era già arrivata una richiesta della prefettura di Foggia per un trasporto sanitario aereo da Bari a Bergamo. Di conseguenza, il Falcon 50 è stato inviato direttamente da Pisa, dove è decollato alle 19.25 circa, a Bari, dove è stato imbarcato il paziente. Dopo il decollo dalla città pugliese alle 20.40 circa, l'aereo è atterrato intorno alle 22.00 nell'aeroporto di Orio al Serio, da dove il paziente è stato trasferito in ambulanza all'Ospedale di Bergamo.

Alle 22.25 il Falcon 50 è decollato da Orio al Serio per rientrare nella propria base a Ciampino, dov'è atterrato alle 23.30. Dopo appena venti minuti, però, l'aereo è decollato di nuovo per un trasporto sanitario d'urgenza richiesto dalla Prefettura di Brindisi.

Il paziente da trasportare è stato imbarcato nella stessa città pugliese, da dove l'aereo è decollato all'1.05 circa con destinazione Bologna. Alle 2.15 l'atterraggio nella città felsinea, da dove il paziente è stato poi trasferito in ambulanza al Policlinico di Modena. Alle 2.20 il Falcon 50 è ripartito da Bologna per Ciampino, dov'è atterrato verso le 3.

e.roncalli

© riproduzione riservata