Martedì 01 Ottobre 2013

«Giochi rotti e in cattive condizioni»
È allarme sul parco Locatelli

«Federconsumatori Bergamo si fa interprete di quanto i frequentatori del Parco Locatelli siano delusi e amareggiati per le condizioni in cui versa la struttura: con l'aggravante che le promesse di interventi riparatori, ricevute la primavera scorsa dall'assessore competente in occasione di un incontro alla presenza della stampa, sono rimaste per la maggior parte lettera morta».

Inizia così il comunicato di Umberto Dolci, presidente di Federconsumatori su uno dei parchi più frequentati di Bergamo: «Sono le mamme dei bimbi dai 3 ai 12 anni che frequentano la ludoteca, e i "pensionati" che fanno vivere il parco con la loro assidua presenza, a lamentarsi delle non risposte dell'amministrazione alle continue (perché non evase) segnalazioni di disagi e di veri e propri rischi per l'incolumità fisica: ultimo in ordine di tempo lo schianto di un grosso ramo caduto su un vialetto, che, inspiegabilmente, non ha indotto i responsabili del parco a intervenire per mettere in sicurezza gli alberi da tempo segnalati come a rischio».

«A questo punto sono urgenti alcuni interventi indispensabili per la sicurezza e l'igiene di chi frequenta il parco. Nell'ordine chiediamo all'assessore Massimo Bandera di attivarsi per risolvere i seguenti problemi: riparazione o sostituzione di giochi rotti, riparazione delle panchine e della balconata, con sostituzione delle assi di legno rotte e/o deteriorate (settimana scorsa una bambina s'è rotta un tendine saltando su una pedana dall'asse sconnessa); svuotamento e pulizia del laghetto che si è trasformato in una pozza melmosa, maleodorante e ricettacolo per colonie di zanzare (da oltre due anni non si fa la “pulizia”); potatura o sostituzione degli alberi che presentano segni di ammaloramento; riparazione della "vedovella” e sua manutenzione (è arrugginita al punto di far temere la contrazione di tetano se ci si dovesse graffiare nel tentativo di bere all'unico zampillo rimasto in funzione)».

Eseguiti i lavori di somma urgenza «rimangono da mantenere le promesse fatte per una diversa sistemazione degli spazi riservati alle attività della Ludoteca, sia interni sia esterni; la separazione fisica tra l'area riservata ai bambini e quella dedicata agli adulti; ulteriore dotazione di tavoli a disposizione di chi desiderasse fermarsi nello spazio coperto; posizionamento di una rastrelliera per le biciclette (richiesta fatta anche al settore “mobilità”; sistemazione dei vialetti nei punti dove il lastricato è rotto; dotazione di bidoni raccogli rifiuti; fornitura, ai custodi, di attrezzi idonei a eseguire le piccole manutenzioni del verde e del laghetto». E Dolci conclude: «È contradditorio che nonostante il Parco Locatelli possa contare sulla presenza di due custodi che garantiscono la sorveglianza per tutto il periodo di apertura, costoro, nella situazione attuale, possano fare ben poco per il mantenimento del decoro e della sicurezza del posto».

fa.tinaglia

© riproduzione riservata