711 testimoni per Massimo Bossetti Venerdì si decide per le telecamere

711 testimoni per Massimo Bossetti
Venerdì si decide per le telecamere

La difesa di Massimo Bossetti - che venerdì lascerà nuovamente il carcere per assistere al processo sulla morte di Yara - ha presentato una lista con addirittura 711 testimoni.

Sarà un’altra udienza tecnica, in cui la Corte d’Assise presieduta dal giudice Antonella Bertoja dovrà pronunciarsi su questioni preliminari. Solo oltrepassato questo scoglio il processo potrà entrare nel vivo, con l’audizione dei tanti testimoni, ma se ne parlerà a settembre.

I giudici scioglieranno la riserva sulle cinque eccezioni preliminari sollevate dalla difesa del muratore. Gli avvocati Claudio Salvagni e Paolo Camporini, nel corso della prima udienza avevano tra l’altro chiesto che venisse dichiarato nullo il decreto che dispone il giudizio, «perché troppo vago il capo d’imputazione laddove indica l’omicidio compiuto in due luoghi diversi, Brembate Sopra e Chignolo d’Isola».

La Corte si pronuncerà anche sulla questione delle telecamere in aula. Molte le richieste giunte in Tribunale da emittenti televisive che vorrebbero riprendere il processo. La difesa di Bossetti, che si è sempre dichiarata favorevole, nella scorsa udienza si è rimessa per rispetto al volere della famiglia Gambirasio. I legali dei genitori di Yara si sono opposti.


Leggi di più su L’Eco di Bergamo in edicola il 16 luglio

© RIPRODUZIONE RISERVATA