Venerdì 05 Giugno 2009

Diritto alla quiete e alla sicurezza
Chiusura anticipata per un kebab

Garantire il diritto alla quiete, al riposo e alla sicurezza delle persone. Sono le motivazioni che hanno portato l'amministrazione comunale di Bergamo alla firma di una ordinanza di chiusura anticipata del «Kebab Orchidea» di via Quarenghi 48. La decisione - si legge in un comunicato - si è resa necessaria perché si sono verificate, soprattutto il sabato pomeriggio e nelle ore serali, situazioni di grave disagio in quanto il locale è diventato luogo di ritrovo per numerose persone, spesso ubriache, che creano assembramenti e situazioni d’intralcio alla pubblica viabilità.

Da qui l'ordinanza «per la tutela della convivenza civile, della coesione sociale e della vivibilità del centro urbano» con la quale si ordina la chiusura dell’attività dal lunedì al venerdì dalle 22 alle 6 del giorno successivo e il sabato e la domenica dalle 16 alle 6 del giorno successivo.

L’ordinanza è stata preventivamente comunicata al Prefetto ed è esecutiva dal giorno della notifica ai diretti interessati e affissa all’albo pretorio.

«In particolare – si legge nell’ordinanza - i clienti, una volta rifornitisi di bevande alcoliche, si fermano a consumarle all’esterno del locale, abbandonando sul suolo pubblico molteplici rifiuti, tra cui avanzi di cibo, bottiglie, lattine ed altre sostanze organiche con conseguenti ripercussioni negative sul decoro e la fruibilità degli spazi pubblici, creando inoltre affollamenti e resse, urla e schiamazzi che disturbano quotidianamente la quiete pubblica».

La situazione di grave disagio era stata evidenziata negli ultimi mesi da segnalazioni di cittadini, confermate dalla polizia locale ed anche a seguito di diversi accertamenti di violazioni penali.

r.clemente

© riproduzione riservata