Lunedì 06 Luglio 2009

«Stabili e ben salde»
le torri del nuovo ospedale

Misurazioni topografiche di precisione per verificare la verticalità delle torri: il cammino verso il nuovo ospedale prevede anche una grande attenzione ai collaudi e alla sicurezza. In questo contesto s’inserisce la recente perizia che attesta come gli edifici che costituiranno il nuovo ospedale beato Giovanni XXIII siano “ben saldi e stabili”.

I collaudi per verificare la sicurezza del nuovo ospedale sono in corso da tempo, ancora prima che cominciassero i lavori. “Già nel 2003 – spiega l’ing. Paolo Bosi, responsabile del procedimento per la realizzazione del nuovo ospedale - l’Azienda ospedaliera ha fatto svolgere una campagna d’indagini sui terreni interessati, per individuarne le caratteristiche. E’ stato anche realizzato un tratto di fondazione, predisponendo il terreno in modo tale che riproponesse la situazione e le modalità che sarebbero state poi adottate nella realizzazione degli edifici. Questa fondazione è stata sottoposta a prova di carico, simulando i carichi di progetto. I risultati ottenuti, attentamente esaminati, sono stati soddisfacenti”.

Quello della sicurezza è un tema cruciale per la struttura che si sta ultimando alla Trucca. Ecco perché, già nel 2002, quando la legge ancora non lo rendeva obbligatorio, si è anche proceduto ad aggiornare il progetto alla luce delle più recenti norme antisismiche, che sarebbero poi state introdotte a partire dal 2003, recependo la mappatura fatta dall’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia che classificava per la prima volta il territorio del capoluogo a rischio sismico, seppur moderato. In fase di realizzazione delle fondamenta sono poi stati eseguiti collaudi in corso d’opera a cura del prof. Antonio Migliacci, del Politecnico di Milano. Grazie ad apposite tecnologie che generano forti vibrazioni, sono state simulate scosse sismiche, senza che si evidenziassero anomalie.

In ogni caso i progettisti hanno ritenuto opportuno apportare alcune modifiche, inserendo alcuni elementi portanti in più, come pareti ad angolo che aumentano la rigidità della struttura, e impiegando più ferro nel calcestruzzo. Durante la costruzione sono poi stati monitorati i cedimenti del terreno, risultati sempre ampiamente contenuti entro i valori ipotizzati in sede di progetto. Infine recentemente è stata effettuata una campagna di misurazioni topografiche di precisione che, comparata con i monitoraggi precedenti, consente di dire che le torri, le piastre e gli altri edifici del nuovo ospedale sono ben saldi e stabili.

a.ceresoli

© riproduzione riservata