Lunedì 13 Luglio 2009

Dote scuola, boom di richieste
in tutta la Bergamasca

Riaperti i termini per l'iscrizione, e la richiesta di dote, alle prime classi dei percorsi di qualifica triennali utili all'assolvimento del diritto dovere di istruzione e formazione professionale per l'anno scolastico 2009-2010. La decisione è stata presa dalla Regione Lombardia anche in considerazione delle richieste giunte in ritardo da parte di quegli studenti che hanno deciso di scegliere questi percorsi di formazione in seguito all'esito degli esami finali di terza media.

La Dote scuola regionale, giunta al suo secondo anno di applicazione, nel 2009-2010 ha interessato 230.631 studenti con un incremento del 18% in più rispetto all'anno scorso. In particolare nella nostra provincia sono 34.003 i ragazzi che ne beneficeranno per un importo totale di fondi erogati pari a 12 milioni e 499mila e 739 euro. «Il nostro governo regionale - hanno commentato il presidente Roberto Formigoni e il vicepresidente e assessore all'Istruzione, Formazione e Lavoro, Gianni Rossoni - ha voluto e realizzato lo strumento assolutamente innovativo della Dote per sostenere lo studente e la famiglia in un libero percorso di istruzione e di educazione. Tanto più efficace e necessario questo strumento si sta rivelando in un momento di difficoltà economica per moltissime famiglie».

Destinata ai ragazzi che frequentano le scuole pubbliche e paritarie della Lombardia, la Dote scuola ha lo scopo di garantire il diritto allo studio e di ampliare la libertà di scelta degli studenti lombardi. Quest'anno andrà a beneficio di oltre il 20% degli studenti lombardi, con una spesa complessiva da parte della Regione di 88 milioni. Un vero boom (+50%) è quello che ha interessato i beneficiari della componente Sostegno al reddito (famiglie con Isee 15.458,00 in scuole sia pubbliche che paritarie), che arrivano a 164.716, con un contributo medio di 219 euro. Questa Dote sostituisce i contributi per i libri di testo, gli assegni di studio e le borse di studio già previsti per questa tipologia di beneficiari. Il contributo è di 120 euro per le elementari, 220 per le medie inferiori, 320 per le medie superiori e 160 per l'Ifp regionale. Più stabile il Buono scuola (+5%): il numero dei beneficiari si attesta a 64.806.

Infine, sono 1.109 gli studenti disabili delle scuole paritarie a cui la Regione assicura un sostegno didattico. Dall'1 al 30 settembre 2009 sarà inoltre possibile presentare le domande di Dote scuola per il prossimo anno scolastico per la componente Merito per i risultati conseguiti nell'anno scolastico 2008/2009. Gli stessi termini valgono per coloro che hanno effettuato iscrizioni tardive (es: nuovi residenti, cambio di scuola), e quindi non hanno presentato alcuna domanda nella prima finestra (febbraio-aprile 2009). Per ulteriori informazioni è possibile consultare il sito www.regione.lombardia.it.

fa.tinaglia

© riproduzione riservata