Giovedì 06 Agosto 2009

All'interno del Nuovo Ospedale
un ristorante e tre bar

Continuano i lavori al nuovo ospedale Papa Giovanni XXIII di Bergamo. Il cantiere in questi giorni sta ultimando le strutture della centrale tecnologica, degli edifici della centrale operativa dell’elisoccorso e la posa degli impianti della Casa dei frati. È in corso di realizzazione anche l’isola ecologica mentre i lavori relativi all’appalto principale proseguono con la posa degli impianti, delle vetrate di copertura dell’Hospital Street e delle passerelle di collegamento tra le sette torri e le piastra.

Una novità per il pubblico, rispetto a come è organizzato attualmente l'ospedale cittadino, riguarda i servizi di ristorazione: saranno presenti nella struttura un ristorante e tre bar. Accanto alla torre 1 si troveranno il ristorante e uno dei bar, mentre gli altri due bar saranno collocati rispettivamente nella piastra centrale, di fronte alla torre 2, e alla base della torre 7.
I locali saranno gestiti da un fornitore individuato dal concessionario a cui sono stati affidati i servizi non sanitari, ma la tipologia dei prodotti in vendita, le tariffe e l’orario di apertura saranno concordati e approvati dall’azienda ospedaliera.

Per quanto riguarda invece la gestione della cucina interna per l'alimentazione dei degenti proseguirà il sistema dei vassoi personalizzati, allestiti in base al regime dietetico assegnato e alle preferenze paziente. I vassoi saranno consegnati ai reparti grazie a carrelli termici, chiusi a chiave una volta riempiti, e trasportati da un sistema automatizzato che collegherà la cucina ai piani di degenza. I menù continueranno ad essere definiti dalla Dietologia Clinica dell’ospedale, con modifiche stagionali: attualmente sono previste 37 diete.

La cucina e tutti i locali accessori occuperanno un’area di 2.300 metri quadrati a un livello interrato rispetto all’Hospital street, nella zona a sud ovest dell’intera struttura. La mensa per gli operatori ospedalieri si troverà invece accanto alla cucina e sarà dotata di due linee self-service e due casse per il pagamento e conterà 550 posti a sedere.

fa.tinaglia

© riproduzione riservata