Mercoledì 02 Settembre 2009

Con il Consultorio familiare
quattro occasioni per crescere

Dopo la pausa estiva, con l’avvio delle attività il Consultorio Familiare Scarpellini ha predisposto e propone un ciclo dì incontri “Crescere insieme …” e “Questioni di vita”.

Come sperimentato lo scorso anno, ogni mercoledì sera alle ore 20.45, durante tutto l’anno vengono proposti dei temi molto concreti e stimolanti, che per semplicità sono stati suddivisi in quattro filoni tra loro strettamente collegati: «Questioni di cuore. Come ascoltarsi, amarsi e crescere in coppia», «Genitori si diventa. Proposte per genitori che non rinunciano a educare»; «Noi famiglia. Per ritrovare sé stessi e rinnovare il rapporto familiare»; «Adolescenti, istruzioni per esserci. L’adolescenza vissuta dalla parte dei genitori».

Quest’anno si è voluto offrire maggiori occasioni di confronto sul tema dell’adolescenza, in quanto il Consultorio Familiare Scarpellini sta implementando diverse nuove attività e servizi per questa importante fase della vita. In modo alternato e ciclico per ogni filone si propone uno specifico tema sul quale, dopo una relazione introduttiva è previsto un ampio spazio aperto al dialogo e allo scambio.

Altra novità di quest’anno è quella che a partire dal tema della serata, in base all’interesse e la partecipazione, si attiveranno dei percorsi in piccolo gruppo al fine di valorizzare al meglio le singole competenze e offrire significativi stimoli e supporti. Vi sarà anche l’occasione di confrontarsi sul alcuni importanti temi per meglio affrontare le grandi e crescenti sfide nel campo della biomedicina.

Il percorso denominato «Questioni di vita. Quattro occasioni per informarsi, confrontarsi e riflettere», si articolerà tra ottobre e dicembre 2009. In cantiere vi è anche un percorso sui temi del diritto di famiglia che si svilupperà nella prima parte del 2010. Tante occasioni per tutti di Crescere insieme.

La partecipazione agli incontri è aperta fino ad esaurimento disponibilità ed è gratuita

In allegato i volantini di programmazione delle attività.

a.ceresoli

© riproduzione riservata