Venerdì 11 Settembre 2009

Isso, in azione ladri acrobati
Rubano scarpe senza toccare terra

Ladri ancora in azione nella Bergamasca con due colpi singolari a Suisio e Isso, dove sono entrati in scena dei malviventi-acrobati. Hanno agito invece indisturbati, ma non senza fatica i ladri che hanno asportato numerosi sacchi di silicone per un valore di migliaia di euro nel magazzino dell’azienda Pavoni Italia Spa di Suisio, in via Enrico Fermi, specializzata nella produzione di contenitori in plastica e in silicone per panifici, pasticcerie e gelateria.

Un’azienda leader nel settore, che produce diversi articoli usati nella produzione di torte, pasticcini e gelati. Il furto si è verificato alla fine della scorsa settimana quando i ladri sfruttando la presenza di un cantiere edile che confina con l’azienda Pavoni, dopo aver creato un varco nella rete metallica, hanno raggiunto i capannoni dell’azienda.

Dopo aver scassinato la porta, i malviventi sono entrati nel magazzino e hanno caricato su un automezzo decine di sacchi con dentro silicone in palline. I ladri si sono allontanati col bottino facendo perdere le tracce.

Sembra che non sia scattato l’allarme e il furto è stato scoperto soltanto lunedì mattina, quando i dipendenti dell’azienda hanno notato che nei magazzini mancava del materiale. Sono spariti sacchi di silicone, materia prima impiegata per produrre stampi e accessori usati in special modo nei laboratori e negozi di pasticceria.

Il furto è stato denunciato ai carabinieri della stazione di Capriate San Gervasio, i militari dell’Arma hanno svolto un sopralluogo e avviato le indagini. Gli addetti e i responsabili della Pavoni sono stati impegnati a effettuare un inventario del materiale rubato che ammonta a qualche decina di migliaia di euro. La somma esatta non è stata ancora quantificata.

E ladri acrobati sono entrati in azione a Isso, nel negozio di calzature «Fratelli Brignoli», sulla provinciale ex statale 11. Nella notte fra domenica e lunedì (ma la notizia è trapelata solo giovedì) si sono calati dal soffitto riuscendo a impossessarsi di scarpe da uomo e da donna per circa 5 mila euro.

L’operazione deve essere risultata particolarmente complicata visto che non hanno mai messo piede sul pavimento, altrimenti avrebbero fatto scattare l’allarme del punto vendita di cui evidentemente conoscevano le caratteristiche tecniche.

Per questo motivo è presumibile pensare che a mettere a segno il furto siano stati ladri professionisti. Il luogo in cui è avvenuto il furto non è il negozio dove viene effettuata la vendita delle calzature al dettaglio, bensì il deposito.

Sul tetto si trova un lucernario che i malviventi hanno provveduto a bucare. Da lì si sono poi calati. Nel deposito, a quanto risulta, non si trova nessun sistema di videosorveglianza. Non si dispone quindi di immagini che possano chiarire come i ladri abbiano poi agito. Certo è che, con una agilità degna di acrobati, hanno messo a segno il furto senza mai mettere i piedi a terra.

Il sistema di allarme a protezione del deposito infatti scatta soltanto se una persona cammina sul pavimento. Rimanendo sospesi, o presumibilmente appoggiando i piedi sugli scaffali, hanno rubato decine di paia di scarpe da donna e da uomo per circa 5 mila euro. Scarpe che poi probabilmente hanno caricato su un furgone, fuggendo.

«Un furto beffa - fanno sapere dal negozio -, abbiamo comunque già provveduto a installare sistemi di sicurezza anche per i ladri che vengono dall’alto». Il furto è stato denunciato ai carabinieri della compagnia di Treviglio.

m.sanfilippo

© riproduzione riservata