Venerdì 11 Settembre 2009

Bando famiglia: a 52 associazioni
contributi per quasi 770.000 euro

Progetti per sostenere la famiglia nella sua complessità, dai minori a scuola alla formazione per genitori, fino all’integrazione di immigrati: sono diversi gli ambiti degli interventi presentati da associazioni di volontariato ed enti benefici all’Asl di Bergamo e che hanno ottenuto i finanziamenti per il «Bando famiglia», con l’assegnazione di contributi regionali, in base appunto alla legge a sostegno della famiglia.

Per tutta la regione, da parte del Pirellone erano a disposizione circa 7 milioni di euro, a Bergamo spettavano 769 mila euro, per i progetti del 2009. Al bando, nel territorio orobico, hanno partecipato ben 150 associazioni: hanno ottenuto i finanziamenti, in base a graduatoria finale, 52 associazioni (i restanti progetti, è stato spiegato dall’Asl, non sono stati esclusi dal contributo perché «bocciati», ma perché il bando prevedeva assegnazioni fino a esaurimento fondi, tant’è che diverse associazioni escluse dal sostegno economico previsto dal bando hanno comunque scelto di mettere in atto i progetti elaborati). «I finanziamenti verranno inoltrati in due tranche, la prima per il 70% dell’assegnazione totale, ad avvio del progetto, e c’è tempo fino al 25 settembre per l’elaborazione dei contratti e la firma; il restante 30% a conclusione del progetto, entro un anno dall’avvio, e comunque spetterà proprio alle associazioni comunicare all’Asl la fase conclusiva del piano di intervento», ha spiegato Giuseppe Farina.

Ecco le associazioni che hanno ottenuto, per i loro progetti, il contributo del bando famiglia e la sede dove verrà realizzato il progetto: «Giochincorso» a Bergamo, Centro ricreativo Terza età Valtesse a Bergamo, Age-Associazione genitori provinciale di Bergamo a Calusco d’Adda, «L’Aurora» a Caravaggio, «Ruah» a San Paolo d’Argon, «L’Arcobaleno» a Bergamo, Agesc-Associazione genitori scuole cattoliche a Bergamo, Age-Associazione italiana genitori ad Alzano, «Insieme è meglio» a Ponte Nossa, parrocchia San Martino a Torre Boldone, parrocchia Sant’Antonio da Padova a Seriate, parrocchia San Lorenzo a Zogno, parrocchia Santo Stefano a Costa Volpino, parrocchia Santa Maria Immacolata a Sant’Omobono, Opera diocesana Patronato San Vincenzo a Bergamo, Centro di aiuto alla famiglia a Romano, «Rete famiglie Valle Cavallina» a Casazza, Gruppo genitori a Colzate, «L’aquilone» a Brembate Sopra, «Giocoarmonia» a Trescore, «Aporte aperte» a Nembro, «Girotondo» a Bergamo, Centro italiano femminile a Verdello, «Piccoli passi per» a Torre Boldone, Laboratorio genitori a Stezzano, «Comunità del pane» a Ponte Nossa, Donne internazionali a Bergamo, «Scuola gruppo Insieme» a Bergamo, Laboratorio famiglie solidali a Villongo, «Fabbrica dei Sogni» a Bergamo, «Il pugno aperto» a Bergamo», «Il passo» a Osio Sotto, «Arké» a Palosco, Aeper a Seriate, «Linus» a Presezzo, «Generazioni» ad Albino, «Angelo Custode» a Bergamo, «Il Varco» a Serina, «Farsi prossimo» a Clusone, Primo ascolto Alzheimer a Dalmine, parrocchia Santa Maria Assunta e San Giacomo a Romano, parrocchia Santi Nazario e Celso a Urgnano, Associazione amici traumatizzati cronici a Bergamo, Arcisolidarietà a Bergamo, parrocchia San Martino a Valnegra, scuola materna Don Aresi a Brignano, Associazione Bergamo lavoro a Bergamo, cooperativa sociale di Locatello.

a.ceresoli

© riproduzione riservata