Mercoledì 16 Settembre 2009

Altissimo l'indice di mortalità evitabile
I medici di base salgono in cattedra

Far crescere nella popolazione bergamasca la cultura della prevenzione e promuovere comportamenti utili per la salute. L’Asl di Bergamo ha deciso di organizzare alcuni cicli di incontri, per un totale di 600 riunioni, che si terranno su tutto il territorio della provincia su numerosi argomenti di prevenzione: si parlerà di alimentazione, dell'importanza dell'attività fisica, di prevenzione oncologica, ma anche di molti altri argomenti  che metteranno in cattedra 300 medici di base di tutta la nostra provincia al fine di istruire i cittadini a evitare comportamenti che possano provocare malattie e quindi nuocere alla salute.

Ad organizzare questa iniziativa, dal titolo «Il mio medico parla di prevenzione», è quindi l'Asl di Bergamo, in collaborazione con 300 medici di base, ma anche i Comune del territorio che si sono sensibilizzati al problema. L'idea è quindi proprio quella di cambiare la politica con cui si muovono i medici di base: non fare prevenzione solo quando i pazienti si presentano in ambulatorio per un controllo o per richiedere ricette, ma fare in modo che gli stessi medici siano parte attiva e propositiva, relatori di questi incontri nei quali fornire informazioni utili su come comportarsi per evitare malattie e comportamenti non sani.

Incontri che paiono importanti sul nostro territorio dato che la Bergamasca, rispetto agli altri distretti territoriali italiani, ha un indice di mortalità evitabile elevatissimo. Considerando infatti che le Asl in Italia sono 188 e che più basso è l'indice di mortalità e più alta è la possibilità di avere una vita sana, l'Asl di Bergamo si posiziona al 153esimo posto, un dato confermato anche dall'indagine che pone la Bergamasca come seconda provincia in Italia per mortalità da tumore.

In totale sono quindi in programma da questo autunno-inverno 600 incontri. Si partirà dalla zona dell'Isola Bergamasca il 29 settembre prossimo (gli appuntamenti sono qui allegati), per poi toccare tutto il territorio. A breve tutto il calendario sarà pubblicato sul sito www.asl.bergamo.it

fa.tinaglia

© riproduzione riservata