Sabato 26 Settembre 2009

In 7mila al corteo per Impastato
Ignoti tagliano l'ulivo, ripiantato

Si è avviata sabato pomeriggio poco dopo le 14,30 la manifestazione di protesta contro la decisione del sindaco leghista di Ponteranica, Cristiano Aldegani, di rimuovere dalla biblioteca del paese la targa di intitolazione a Peppino Impastato, politico e conduttore radiofonico ucciso dalla mafia nel 1978. Secondo le stime della Questura, lungo le vie di Ponteranica si sarebbero mosse almeno cinquemila persone, mentre gli organizzatori parlano di almeno settemila partecipanti.

Poco dopo le 15, il fiume di gente ha effettuato una sosta di dieci minuti davanti alla biblioteca. Qui, sotto l'ulivo piantato in memoria di Impastato, gli organizzatori hanno posato una targa che ricorda l'assassino di Peppino e il suo impegno contro la mafia.

Ulivo che era stato ripiantato in mattinata dagli organizzatori dopo che, nella notte tra venerdì e sabato, ignoti avevano tagliato la pianta, lasciando anche un cartello provocatorio in bergamasco. Un gesto di fronte al quale la risposta migliore è quella degli organizzatori della manifestazione: «Non ci lasciamo impressionare dal rumore di un albero che cade, ma continuiamo a sentire la linfa della foresta che cresce. Non molliamo».

Il clima, nonostante l'episodio dell'abbattimento dell'albero, era sereno e l'atmosfera è quella di festa, con tanti palloncini bianchi, scritte su Impastato e moltissime bandiere di rappresentanze politiche - Rifondazione e Idv in particolare, mentre il Pd ha deciso di rinunciare ai simboli politici - e della pace. Obiettivo della giornata, che ha visto schierati nel corteo, insieme a tantissima gente, politici e sindacalisti, il ripristino della targa che intitolava la biblioteca a Peppino Impastato.

La targa era stata collocata l'anno scorso nell'ambito della «Settimana della pace», ma era stata tolta dal lumbard Aldegani dopo che la nuova giunta comunale aveva scelto di rendere omaggio alla memoria del sacramentino padre Giancarlo Baggi (al quale però l'edificio potrà essere intitolato solo nel 2010, nel decimo anniversario della morte).

Presenti, tra i sindaci e i rappresentanti politici, Giovanni Impastato, fratello di Peppino, e Claudio Fava, sceneggiatore del film «I cento passi». Ad aprire il corteo lo striscione «Ancora 100 passi!» seguito dai rappresentanti delle associazioni che promuovono l’iniziativa: Comitato Peppino Impastato di Ponteranica, Libera, Casa della memoria. La manifestazione ha percorso via Valbona ed è arrivata in via 8 Marzo, dove era allestito un palco per gli interventi, coordinati da Danilo De Biasio, direttore di Radio Popolare. numerosi gli interventi, intervallati da letture di poesie e riflessioni su Impastato e sulla sua testimonianza. 

L'ex sindaco di Ponteranica, Alessandro Pagano, ha proposto di riproporre la manifestazione ogni anno, l'ultimo sabato di settembre, per tenere viva la memoria su Impastato e su quanto accaduto.

f.morandi

© riproduzione riservata