Giovedì 01 Ottobre 2009

Nuovo decreto per i precari
Precedenza per le supplenze

Novità per i docenti precari della scuola bergamasca. È stato emanato il decreto attuativo, da molto tempo richiesto dallo Snals-Confsal
che favorisce il personale precario docente e Ata che, avendo fruito per l’anno scolastico 2008/2009 di nomina a tempo determinato di durata annuale o sino al termine delle attività didattiche indipendentemente dalle graduatorie provinciali o di circolo/istituto da cui è stata conferita, risulta inserito «a pieno titolo», per il 2009/2010 nelle graduatorie permanenti ad esaurimento per il personale docente o Ata.
Il decreto favorisce anche il personale Ata inserito nelle graduatorie provinciali ad esaurimento che non abbia potuto ottenere, per l’anno scolastico in corso, nomina a tempo determinato di durata annuale o fino al termine delle attività didattiche per carenza di posti disponibili o l’abbia ottenuta per un numero di ore inferiore a quello di cattedra o posto in assenza di disponibilità di cattedre o posti interi.

«Il nostro sindacato - dichiara il segretario provinciale dello Snals Loris Colombo -, che è stato promotore dell’iniziativa e protagonista di tutte le varie fasi, dalla stesura del decreto legge fino a quella del decreto ministeriale attuativo, ha ritrovato nella stesura definitiva accolte la gran parte delle richieste migliorative via via avanzate».

Questo significa che questi docenti e personale Ata precari hanno diritto a fruire di precedenza assoluta nel conferimento di supplenze per assenze nelle scuole comprese nei distretti indicati nella domanda e allo stesso punteggio conseguito nell’a.s. 2008/2009 per la medesima classe di concorso, posto di insegnamento o profilo professionale.

«La domanda deve essere o presentata entro il termine perentorio del 9 ottobre alla istituzione scolastica di servizio dell’anno 2008/2009 o direttamente a mano - spiegano allo Snals -, oppure entro la stessa data può essere inviata per raccomandata sempre alla stessa scuola , in tal caso fa fede la ricevuta di invio. Sarà compito della scuola inoltrarla alla sede provinciale scelta dall’interessato tra le possibili opzioni: quella che ha gestito la graduatoria permanente o ad esaurimento, oppure quella nella quale l’interessato è inserito nelle graduatorie di circolo o d’istituto. Soltanto nel caso in cui l’interessato abbia stipulato contratto a tempo determinato annuale o sino al termine delle attività didattiche per un numero di ore inferiore a quello di cattedra o posto, vi è l’obbligo di scegliere la provincia ove ha stipulato il contratto ai fini del completamento. È escluso dal beneficio chi, nel corrente anno scolastico, abbia rinunciato ad una supplenza per orario intero nell’ambito della graduatoria provinciale ad esaurimento o dalle correlate graduatorie di circolo o istituto».

Per altre informazioni www.snalsbergamo.it

fa.tinaglia

© riproduzione riservata