Mercoledì 07 Ottobre 2009

Per far esplodere il bancomat
distruggono Banca Intesa di Suisio

Nelle loro intenzioni dovevano far esplodere soltanto il Bancomat per rubare i contanti, ma probabilmente hanno calcolato male la miscela di gas che ha praticamente distrutto la sede della banca Intesa di via Nazario Sauro 3 a Suisio.

È successo nella notte tra martedì e mercoledì: mancavano cinque minuti alle due quando si è sentita una forte esplosione al piano terra di un condominio di tre piani e i primi ad affacciarsi hanno visto fumo, polvere e i malviventi che scappavano con un'Audi station wagon. Il botto è stato sentito molto bene dal farmacista che era di turno, non lontano dall'istituto bancario.

La scena che si è presentata davanti ai carabinieri di Treviglio e Capriate che sono intervenuti sembrava di guerra: hanno resistito i muri, ma l'interno della banca, serramenti, vetri antisfondamento, controsoffitti, scrivanie, sono saltati in aria. Si parla di danni per 300-400 mila euro.

Praticamente i malviventi hanno usato due bombole, una di acetilene e una di ossigeno, e con due tubicini le hanno collegate al Bancomat: la miscela è stata incendiata con una miccia e c'è stata l'esplosione, molto più potente di quella che sarebbe stata sufficiente per arraffare i contanti dallo sportello.

Al primo piano non c'era nessuno, la famiglia che ci abita era in vacanza, e comunque il palazzo è stato giudicato agibile, a parte la banca che resterà chiusa molti giorni. Non si sa se i malviventi abbiano fatto in tempo a rubare qualcosa.

m.sanfilippo

© riproduzione riservata