Mercoledì 07 Ottobre 2009

Treni, in forse il Bergamo-Roma
Da dicembre Pendolino a rischio

Con il nuovo orario invernale, che andrà in vigore il prossimo 13 dicembre, è possibile che l'Eurostar che collega Bergamo a Roma venga soppresso. I bergamaschi, che dal 1996 hanno il privilegio di avere a disposizione il cosiddetto «Pendolino» che in 5 ore e 40 minuti li porta nella capitale, dovranno rassegnarsi a raggiungere Milano per poi salire sulla nuova Frecciarossa. L'Alta velocità, tra l'altro, proprio il 13 dicembre vedrà nuovi sviluppi con l'attivazione completa sulla linea Torino-Milano-Bologna-Firenze-Roma-Napoli-Salerno.

La notizia, che Trenitalia non conferma e che gira già tra i pendolari, è stata anticipata da una pubblicazione sindacale «La Voce delle attività ferroviarie» secondo cui Bergamo e Cremona perderanno l'unico collegamento ferroviario diretto con la capitale. Non sarà invece così per Brescia che invece avrebbe un treno Eurostar per Roma e ritorno via Verona-Bologna, sfruttando così le nuove potenzialità di questa linea.

Un bello smacco per i bergamaschi che ormai si sono abituati alla linea privilegiata e diretta con Roma. Intanto però Trenitalia fa solo sapere che la notizia «non può essere confermata, dato che sono ancora in via di definizione gli orari invernali - spiegano dalla società di trasporti -, soprattutto in consideraizone della conclusione in atto della linea ad Altà velocità». Non c'è però neppure una netta smentita a riguardo, e solo verso la fine di questo mese si saprà con certezza quale treno i bergamaschi dovranno prendere per raggiungere la capitale. Quello che è certo è che Trenitalia rafforzerà il servizio della Frecciarossa con nuove corse e l'apertura della nuova linea veloce tra Bologna e Firenze che collegherà Milano con Roma in 3 ore. Oggi l'Eurostar Bergamo-Roma ci mette invece 5 ore e 40 minuti per raggiungere Roma con ben 135 chilometri di percorso da fare su linea a semplice binario nella tratta Bergamo-Brescia-Cremona-Fidenza percorribile in 1 ora e 50 minuti.

fa.tinaglia

© riproduzione riservata